montegrosso casa riposo
Attualità
Sindacati CGIL E CISL

Montegrosso, taglio di ore e salario alla casa di riposo: personale in stato di agitazione

Alla residenza per anziani lavorano 18 persone fra infermieri, oss, cuochi , ausiliari e personale amministrativo

I sindacati provinciali CGIL e CISL hanno dichiarato oggi (venerdì) lo stato di agitazione del personale della Casa Albergo di Montegrosso, la residenza per anziani di proprietà del Comune e affidata in gestione alla Cooperativa Quadrifoglio di Pinerolo, che rappresenta il datore di lavoro del personale impegnato nella struttura. «La struttura per anziani vive un momento difficile da un punto di vista occupazionale dei posti letto, con il 30% dei posti vuoti non a causa del Covid , ma a causa di errate scelte commerciali, sia nei tempi sia nei modi – sottolineano le organizzazioni sindacali – Questo ha ricadute dirette sulle maestranze, che hanno subito tagli di ore e quindi di salario. La struttura occupa 18 persone tra infermieri, oss, cuochi, ausiliari e personale amministrativo». «La casa di riposo comunale è stata sempre condotta in modo impeccabile dalla Cooperativa Quadrifoglio, in particolare nel difficile periodo dell’emergenza sanitaria, quando non si è mai dovuto affrontare alcun problema di contagio all’interno della residenza – dice il sindaco di Montegrosso Marco Curto – Avevo già parlato tempo fa con il presidente circa la questione di alcuni posti vuoti nella struttura e continueremo, come Comune, a prestare attenzione alla situazione. La Cooperativa Quadrifoglio ha ampia esperienza nel settore e credo avrà la capacità di affrontare il momento attuale».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo