La Nuova Provincia > Attualità > Nizza: allo chef Enrico Crippa il “Gobbo d’Oro 2018”
AttualitàNizza Monferrato -

Nizza: allo chef Enrico Crippa il “Gobbo d’Oro 2018”

Chef del ristorante Piazza Duomo di Alba, è stato insignito domenica pomeriggio al Foro Boario nicese nell’ambito della nuova edizione di “Nizza è Bagna Cauda”.

Il “Gobbo d’Oro 2018” è andato allo chef Enrico Crippa

Il “cardo gobbo”? Secondo lo chef Enrico Crippa – sesto assoluto nei Top Chef Award nel 2017, in pratica tra i migliori al mondo – è un prodotto tipico di primo acchito difficile da spiegare agli stranieri, che non lo sanno collocare a prima vista: «Ma, una volta che lo hanno assaggiato, se ne innamorano». Un altro luogo comune è che sia amaro: «In realtà è il prodotto più dolce dell’inverno, al punto che si può usare anche nella macedonia o nel gelato. E chi pensa il contrario, è perché non ha provato i cardi giusti».

Al Foro Boario nicese

Crippa, chef del ristorante Piazza Duomo di Alba, è stato insignito domenica pomeriggio al Foro Boario nicese con il “Gobbo d’Oro” 2018, nell’ambito della nuova edizione della manifestazione “Nizza è Bagna Cauda”. Soddisfazione da parte del sindaco Simone Nosenzo: «Proseguiamo il percorso di questo riconoscimento, assegnandolo a personalità di sempre maggiore rilevanza». Mentre il favore da parte di Bruno Verri, presidente della Pro loco nicese – che assegna il premio insieme al Comune – si è manifestato nei confronti del linguaggio diretto dello chef: «Hai parlato in modo semplice, come uno di noi, un vero amante del territorio».

Tessera onoraria

Per concludere annunciando l’assegnazione all’ospite una “tessera onoraria” della Pro Loco. Congratulazioni a Nizza per la scelta, inoltre, da parte di Mario Sacco, presidente della Fondazione C.R. Asti. Il “Gobbo d’Oro” viene assegnato annualmente in parallelo a un altro riconoscimento, per l’utilizzo del cardo gobbo come ingrediente. A riceverlo quest’anno l’imprenditore Beppe Pero per la Aliberti srl, marchio che ha messo sul mercato da circa un quinquennio “Amar ‘d Cord”, l’amaro a base di cardo: «Nasce dall’infusione di cardi per un mese, tagliata per il trenta per cento con altre erbe affinché non sia troppo dolce».

Volume di ricette

Ma nel pomeriggio di domenica, ideale culmine dell’edizione di “Nizza è Bagna Cauda”, a salire sul palcoscenico sono stati inoltre il pittore nicese Massimo Ricci, insieme alle altre autorità che hanno permesso la realizzazione di un inedito volume di ricette a base di cardo gobbo; e i vincitori del concorso per scatti su Instagram realizzati alla Corsa delle Botti e al Palio di Asti. Ad aprire il pomeriggio sono stati dal canto loro gli studenti del Master in Promozione e Organizzazione Turistico Culturale del Territorio dell’Università di Torino che, ospiti a giugno della Corsa delle Botti, ne hanno realizzato un approfondimento in forma audio-video. Loro sono Alessio Piazzolla, Ilaria Ponzo, Anna Valfrè, Silvia Di Domenico, Federica Luca e Paolo Zangari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente