La Nuova Provincia > Attualità > Nizza Monferrato: da venerdì il mercato cittadino avrà solo banchi alimentari
Attualità Asti Nizza Monferrato -

Nizza Monferrato: da venerdì il mercato cittadino avrà solo banchi alimentari

I banchi previsti saranno infatti, esclusivamente, quelli in piazza XX settembre, per tutti “piazza della verdura” proprio per via del tipo di merce storicamente venduta negli spazi espositivi

Solo banchi alimentari al mercato di Nizza Monferrato

Venerdì mattina il mercato settimanale cittadino torna a svolgersi nella sola modalità alimentare. I banchi previsti saranno infatti, esclusivamente, quelli in piazza XX settembre, per tutti “piazza della verdura” proprio per via del tipo di merce storicamente venduta negli spazi espositivi. Questa modalità era già stata scelta dall’amministrazione comunale la scorsa settimana, durante il primo mercato del venerdì di inserimento nella “zona rossa”.

Nessun dubbio sulle attività consentite

Spiega il primo cittadino nicese Simone Nosenzo: «C’era un dubbio sul tipo di attività ambulanti consentite, perciò abbiamo chiesto chiarimento alla Prefettura di Torino. Dall’ultimo DPCM non era infatti chiaro se alcune attività, non strettamente alimentari, fossero comunque compatibili». Il chiarimento della normativa, passato anche dal Ministero, avrebbe fatto scegliere di mantenere il mercato attivo solo su piazza XX settembre, escludendo piazza Garibaldi e via Carlo Alberto: «In base alle fonti, è infatti possibile il commercio ambulante ma nella forma di banchi singoli e al di fuori del contesto mercatale».

La polizia locale vigilerà sul rispetto delle regole

Gli agenti di Polizia Locale continuano a vigilare sul rispetto delle normative di distanziamento sociale e sull’uso delle mascherine. In particolare, si sono affissi cartelli di divieto nella zona dei campi da bocce in piazza Garibaldi, nelle adiacenze del Foro Boario. Conclude Nosenzo: «L’appello è ad essere responsabili e uscire solo se strettamente necessario, per sperare di uscire presto dall’emergenza».
Fulvio Gatti