Sindaco e assessore di Nizza durante il minuto di silenzio
Attualità

Nizza Monferrato: minuto di silenzio di sindaco e assessore e primo decesso per covid

In memoria delle persone scomparse in tutta Italia a causa del COVID-19. L’iniziativa si è svolta su proposta dell’Unione delle Province Italiane

Minuto di silenzio a Nizza Monferrato

Oggi, martedì, alle 12 davanti al Monumento ai Caduti, sulla piazza del municipio nicese, il sindaco Simone Nosenzo e l’assessore Marco Lovisolo, in rappresentanza della Provincia di Asti, hanno rispettato un minuto di silenzio in memoria delle persone scomparse in tutta Italia a causa del COVID-19. L’iniziativa si è svolta su proposta dell’Unione delle Province Italiane.

Primo decesso a Nizza per covid

Anche per la città del “Campanòn” si tratta di un momento critico: nella giornata di ieri si è infatti registrato il primo decesso tra i cittadini nicesi risultati positivi al coronavirus. «Una notizia che comunichiamo con grande tristezza – commenta il Sindaco – Vorremmo in questa occasione esprimere vicinanza, insieme alle più sentite condoglianze, alla famiglia della persona scomparsa». Sull’identità, l’amministrazione sceglie di mantenere il più assoluto riserbo. Il cittadino nicese deceduto faceva parte dei 12 residenti, in totale, a cui il tampone aveva dato esito positivo.

Quattro ospedalizzati e sette in quarantena

Di costoro, al momento 4 sono ospedalizzati e 7 in quarantena obbligatoria presso la propria abitazione. Sono invece 12 gli abitanti della città del “Campanòn” a cui è stato richiesto l’isolamento domiciliare, a seguito di contatti risaputi con persone contagiate o rientro dall’estero. Spiega Nosenzo: «Non per tutte le persone in isolamento, per fortuna, è poi scontata la positività al virus». Lascia ipotizzare un cauto ottimismo, infatti, la proporzione tra i tamponi effettuati a Nizza Monferrato e i relativi risultati: «Su 52 tamponi eseguiti, 40 persone sono risultate negative al coronavirus».
Fulvio Gatti

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo