La Nuova Provincia > Attualità > Ospedale di Asti: due termoscanner per le misure anti Covid
Attualità Asti -

Ospedale di Asti: due termoscanner per le misure anti Covid

Donati dal Rotary Club

Donati dal Rotary

Ancora un importante dono del Rotary di Asti all’ospedale Cardinal Massaia: da questa settimana sono attivi a due nuovi termoscanner installati anche grazie al supporto logistico e tecnico delle associazioni Vao, Avo e Con Te.

Sono stati inaugurati alla presenza del Commissario Asl Giovanni Messori Ioli e, per il Rotary, del dottor Luigi Gentile come assistente del Governatore Ines Guatelli e di Carlo Alberto Goria e Marco Stobbione, i due presidenti che si sono avvicendati da poco e che hanno contribuito entrambi al raggiungimento dell’obiettivo.

 Solo 28 in tutta Italia

«Sono 28 in tutta Italia – spiega Luigi Gentile – gli ospedali individuati dal Rotary per questa iniziativa denominata “Prevention to defeat the Covid-19 Pandemic”: nel nostro Distretto, che ricomprende la regione Liguria e le province di Asti, Alessandria e Cuneo, sono state due le strutture prescelte: il Cardinal Massaia ed il San Martino di Genova».

Il ringraziamento del Commissario Asl

«Un importante gesto di attenzione per la nostra Azienda – sottolinea il Commissario Messori Ioli – per cui ringrazio sentitamente gli amici del Rotary. Voglio evidenziare anche la grande disponibilità delle associazioni di volontariato che, da subito, si sono rese disponibili nel supportarci nella gestione dei due nuovi termoscanner».

I volontari di Vao, Avo e Con Te, infatti, sono presenti agli ingressi situati al Piano 0 ed al Piano -1, dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18, per facilitare l’orientamento e la misurazione delle temperatura degli utenti in ingresso.

L’Asl ricorda, infine, che in caso di misurazione con esito superiore ai 37,5°, l’utente verrà invitato a sostare cinque minuti circa in prossimità del termoscanner e ripetere la misurazione: laddove dovesse confermarsi con valori superiori a quelli indicati non sarà possibile accedere in ospedale.

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente