festeggiamenti Palio di Asti 2022
Attualità
Galleria 
Festeggiamenti

Palio di Asti, San Lazzaro porta a casa il suo settimo drappo [fotogallery]

L’accoppiata composta dal fantino Giuseppe Zedde e dal mezzosangue Aiò de Sedini corona il sogno del Borgo guidato da Silvio Quirico

“Il settimo sigillo”: il lungometraggio di Ingmar Bergmann raccontava i sette significati del silenzio celeste, mentre il trionfo gialloverde nel Palio di domenica scorsa più che un racconto è semplicemente una conferma.
Il Borgo San Lazzaro, guidato dal Rettore Silvio Quirico, ha dimostrato ancora una volta forza e grandezza conquistando il settimo Drappo della sua storia a partire dall’anno della ripresa.
Una vittoria non casuale e neppure aiutata dalla buona sorte: semplicemente strameritata. Nata da un lavoro mirato e mai improvvisato, dalla coesione di un Comitato di cui Quirico rappresenta il vertice ma che si fonda su una struttura ed una organizzazione di prim’ordine. Basata su una commissione corsa da sempre attenta e competente e su un fantino, Giuseppe Zedde, impossibile non sottolinearlo, diventato uno di famiglia.

“Gingillo” arrivò a San Lazzaro nel 2014 ed in sette anni (sette, ecco che questo numero magico si ripete…) ha portato in dote ai ramarri due Drappi, 2017 e 2022, un secondo posto (2016), un quarto (2019) ed un quinto posto (2015). Di Giuseppe Zedde si può soltanto parlare bene: mai una parola di troppo, sempre misurato nelle sue affermazioni, mai polemico….
E pensare che in questo 2022 di ragioni per polemizzare ne avrebbe avute eccome. La sua forza è rappresentata dal lavoro e dalla professionalità: i suoi cavalli sono sempre di prim’ordine, pronti alla battaglia anche nel momento in cui in battaglia non dovrebbero neppure andarci.

E’ il caso di Aiò de Sedini, ammirato da chi scrive in occasione delle corse allo stadio. Ha vinto San Lazzaro, ha vinto un quartiere popoloso ed entusiasta, ha trionfato il Borgo “sempre caricato a palla”, ogni anno, puntualmente, con l’unico obiettivo di arrivare in pista per piazzare la “zampata” vincente. E dopo le mertitate lodi a Rettore e fantino, il bravo di cuore va a tutto il popolo e a tutti gli entusiasti gialloverdi: «Mai nessuno come loro!».

[foto Billi e Ago]

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo