La Nuova Provincia > Attualità > Palio: il 2019 porterà ulteriori e rilevanti novità
Attualità, PalioAsti -

Palio: il 2019 porterà ulteriori e rilevanti novità

Quello che si è chiuso è stato un anno in ambito paliesco caratterizzato da decisioni, situazioni e momenti di notevole rilevanza. Il calendario degli eventi ha visto messe in atto modifiche sostanziali.

E’ stato l’anno della svolta

Si chiude il 2018, un anno che in ambito paliesco è stato caratterizzato da decisioni, situazioni e momenti di notevole rilevanza. Il calendario degli eventi ha visto messe in atto modifiche sostanziali, con gli spostamenti di data delle due manifestazioni più sentite: Palio e Paliotto.
Andando in ordine cronologico di effettuazione, la competizione riguardante gli sbandieratori è stata anticipata da settembre a maggio, trovando collocazione nella parte conclusiva della settimana dedicata a San Secondo. La variazione della data non ha pesato sul buon esito dell’avvenimento, anzi, richiamando nella splendida “arena” ai piedi della Collegiata tantissimi sostenitori appartenenti ai vari Rioni, Borghi e Comuni.

Corsa anticipata alla prima domenica di settembre

Fuor di dubbio però che la novità più eclatante del 2018 sia stata l’anticipo della disputa della corsa del Palio dalla terza alla prima domenica di settembre, per meglio sfruttare tutta una serie di circostanze abbinate: giornate più lunghe e quindi pieno sfruttamento della luce naturale, scuole ancora chiuse con conseguente maggior coinvolgimento delle giovani leve, viabilità meglio gestibile nel periodo di allestimento della pista per il minor numero di mezzi circolanti e infine la possibilità di disporre di palinsesti televisivi certamente meno inflazionati tra fine agosto e i primi giorni di settembre.

I numeri

I riscontri della disputa del Palio anticipato di due settimane sono stati soddisfacenti: unico neo la diretta Rai saltata per pochi minuti a causa di una concomitanza di eventi negativi (cavalli entrati in pista con un certo ritardo, problemi di allineamento al canapo con due partenze false….).
Biglietti quasi completamente venduti, parterre gremito e colpo d’occhio sulla piazza di grande impatto. Il 2018 è stato l’anno delle novità non soltanto riguardo alle due principali manifestazioni del calendario paliesco, ma anche per le decisioni maturate nella parte conclusiva della stagione che andranno ad interessare l’edizione 2019.

Nel 2019 due corse distinte

Quest’ultima avrà carattere di straordinarietà: domenica 1° settembre si disputeranno due corse distinte e conseguentemente verranno assegnati altrettanti Drappi. L’artista chiamato a dipingerli, il cui nome non è ancora stato reso noto, oltre ai due dipinti destinati ai Comitati vincitori delle corse dovrà realizzare un terzo Drappo che, come consuetudine, verrà donato dall’Amministrazione Comunale alla Collegiata di San Secondo.
Le due corse del 2019 vedranno al via da una parte i 14 Borghi e Rioni cittadini (due batterie da 7 e una finale da 8) e dall’altra i sette Comuni, che daranno vita ad una finale secca senza precedenti prove di selezione. Sull’albo d’oro dell’evento il 2019 riporterà quindi i nomi, di due Comitati, come accaduto nel 2000 quando ad imporsi furono San Secondo nello Straordinario di giugno e Santa Maria Nuova nell’ordinario di settembre.

Cariche

La stagione paliesca che verrà sarò contrassegnata pure dal debutto di due nuovi Magistrati, Marco Bonino e Maurizio Bertolino, nominati dal Sindaco di recente, che andranno a rimpiazzare Tommaso Conte e Gianluca Mattiazzi. Confermato il Capitano Michele Gandolfo.
Il 2019 potrebbe portare ulteriori novità: il mossiere Renato Bircolotti non è ancora stato confermato e in proposito previsioni e illazioni si susseguono. Inoltre la stagione paliesca a venire potrebbe vedere la nascita di una pista ricalcante nelle dimensioni e nella forma il tracciato di Piazza Alfieri, che andrebbe a sostituire l’impianto costruito allo stadio “Censin Bosia”. Per chiudere: se il 2018 è stato per certi versi l’anno della svolta per la manifestazione, il 2019 promette ancora tanto, tantissimo quanto a novità.

Massimo Elia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente