Presentazione programma Astinsieme Paolo Crivelli2
Attualità
Galleria 
Elezioni comunali

Paolo Crivelli chiama i giovani per lanciare il messaggio di cambiamento della coalizione Astinsieme

Questa mattina, nell’ex salone consiliare della Provincia, i rappresentanti delle liste del centrosinistra, candidati e simpatizzanti hanno illustrato i punti principali del programma per Asti

Il candidato a sindaco del centrosinistra e della coalizione Astinsieme, Paolo Crivelli, ha voluto che fossero i giovani a raccontare i punti strategici del programma elettorale scritto insieme agli alleati con i quali ha deciso di proporre «una città nuova, bella, verde, attrattiva, vivibile, sostenibile, inclusiva e solidale, dove sia piacevole abitare, vivere, lavorare, incontrarsi, trascorrere gli anni e veder crescere i propri figli; una città dove sia possibile – sottolineano dalla coalizione – valorizzare e condividere le tante risorse del nostro territorio: culturali, storiche, sociali e ambientali».

Paolo Crivelli ha dato ai giovani spazio e libertà di proposte e ha voluto che, alla presentazione del programma, avvenuta questa mattina in Provincia, ci fossero loro a spiegare le linee guida dei vari settori su cui intende indirizzare l’azione di governo nel caso fosse eletto. Giovani come Niccolò Lanfranco (lista Paolo Crivelli Sindaco), studente di ingegneria ambientale e attivista di Fridays for Future, che ha sottolineato come «il programma sia solo l’inizio di un percorso, fatto soprattutto di ascolto, nel quale la cultura è la base del cambiamento, lo agevola per migliorare la città».

O come Daniela Bucci (Europa Verde) che ha voluto evidenziare l’importanza della mobilità sostenibile «con un rafforzamento del tpl, uno sviluppo delle isole pedonali, della ZTL e ZTM, con la valorizzazione del centro storico, la revisione del progetto di piste ciclabili e l’abbattimento delle barriere architettoniche».

Anche Davide Bego (M5S) ha parlato di una parte del programma, «quella che guarda e sostiene le realtà giovanili, ma che promuove anche le comunità energetiche guardando al sociale».
Giovane è anche Lorenza Gerbo (PD), studentessa di Scienze Politiche, che ha voluto portare una breve riflessione sul ruolo che deve avere il Comune nello sviluppo del turismo e del settore alberghiero. «Ad Asti mancano almeno un grande hotel e una sala polifunzionale, – ha detto – ma bisogna anche rendere più accogliente il centro storico, la stazione, dire basta a nuovi centri commerciali per rivitalizzare quello naturale e il Mercato Coperto. Bisogna che il Comune sia un alleato dei commercianti».

La giovane Vittoria Briccarello (Uniti si può), laureata in Beni Culturali e attivista, ha dato un contributo sul tema di cui ha più competenza: «Il Comune deve dirigere gli Enti culturali e riprendersi in mano le redini del settore. Basta organizzare mostre “a pacchetto” non coese con il territorio, basta spazi museali vuoti o privi di adeguate figure professionali». Sempre Briccarello ha sollevato la questione dei progetti di vita indipendente per le persone con disabilità, definendoli «ridicoli perché non agevolano l’autodeterminazione degli individui» e ha rilanciato nuove politiche sociali che contrastino casi di omobitransfobia «iniziando dall’adesione del Comune alla rete Ready».

Durante la presentazione del corposo programma elettorale c’è stato spazio anche per i “diversamente giovani”, uomini e donne che si stanno impegnando, da candidati, per focalizzare l’attenzione su temi e priorità utili a cambiare il passo di Asti.
Come Cesare Quaglia (Ambiente Asti) che ha portato all’attenzione dei presenti un nuovo modo di intendere il territorio agricolo e rurale «ricreando un rapporto con il territorio che si è perso da tempo»; oppure Giovanni Miglietta (PD) che ha parlato di lavoro attraverso progetti mirati di recupero di contenitori vuoti «creando cittadelle del gusto, della conoscenza e dell’energia», ma anche Angela Quaglia (CambiAMO Asti) che ha invece sostenuto l’urgenza «di riportare Asti al suo antico splendore valorizzando le sue bellezze, come le Antiche Mura o l’Arazzeria Scassa, creando aree industriali con condizioni favorevoli, anche dando un nome alle vie che le attraversano, oppure mettendo un fine alla diarchia tra sindaco e presidente della Fondazione CrAsti nella gestione della cultura».

LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA COALIZIONE ASTINSIEME – PDF

[fotogallery Ago]

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail