Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/parcheggi-a-corona-in-piazza-alfieribrno-dei-commercianti-e-raccolta-firme-56e68c01ef0a11-nkik0yqvqqbpiupqy9sdjt1wceg38jh96xi2ueg9l4.jpg" title="Parcheggi a corona in piazza Alfieri
No dei commercianti e raccolta firme" alt="Parcheggi a corona in piazza AlfieriNo dei commercianti e raccolta firme" loading="lazy" />
Attualità

Parcheggi a corona in piazza Alfieri
No dei commercianti e raccolta firme

«Fanno i parcheggi a corona sull'anello della piazza? Ah sì? Nessuno è venuto a dirci nulla, è la prima volta che ne sentiamo parlare». Simona e Francesca (Bottega Verde, piazza Alfieri) sono le prime due commercianti con cui parliamo a proposito delle novità in arrivo, da mercoledì 1 ottobre, nell'anello di piazza Alfieri e nel tratto di corso Dante compreso tra piazza Alfieri e Largo Martiri della Liberazione. Gli stalli blu a corona…

«Fanno i parcheggi a corona sull'anello della piazza? Ah sì? Nessuno è venuto a dirci nulla, è la prima volta che ne sentiamo parlare». Simona e Francesca (Bottega Verde, piazza Alfieri) sono le prime due commercianti con cui parliamo a proposito delle novità in arrivo, da mercoledì 1 ottobre, nell'anello di piazza Alfieri e nel tratto di corso Dante compreso tra piazza Alfieri e Largo Martiri della Liberazione. Gli stalli blu a corona (che passano da 1,20 a 1,50 euro all'ora con sosta massima di 2 ore) e la possibilità di poter acquistare a 30 centesimi i nuovi voucher sosta (validità 30 minuti anche sui parcheggi a corona) da regalare ai propri clienti riusciranno a dare fiato allo shopping in centro? Le due dipendenti di Bottega Verde lamentano una mancanza di comunicazione tra esercenti e amministratori e chiedono «un occhio di riguardo in più verso i negozianti».

Teresa, titolare della Profumeria Fea, è più ottimista sull'iniziativa del Comune, almeno per quanto riguarda l'anello di piazza Alfieri (gli stalli blu nel centro della piazza non sono interessati dalle modifiche) ma teme che questa decisione non serva a nulla per aiutare i negozi in corso Dante. «E' meglio che gli amministratori si preoccupino di corso Dante perché lì la situazione è veramente brutta, altroché via dello shopping – spiega Fea – Non ci sono parcheggi e so che ci sono altri negozi in procinto di chiudere». Anche Federica e Iulia (OVS piazza Alfieri) hanno appreso delle novità sui parcheggi a corona leggendo i giornali «perché nessuno dal Comune è venuto a dirci nulla, neanche di questi fantomatici voucher. Ora ci chiediamo dove andremo a parcheggiare nei giorni di mercato quando non ci saranno posti disponibili, se non quelli a corona. In ogni caso – continua Federica – non sarà un parcheggio che cambierà le sorti di questa zona».

Francesca (Benetton di corso Alfieri) non condivide le decisioni prese dall'amministrazione «che penalizzeranno i lavoratori» e, anche nella vicina profumeria Gardenia, c'è chi si lamenta perché teme di non trovare parcheggio durante i giorni di mercato. «Questa novità non servirà a portare nuovi clienti – commenta una delle venditrici – per non parlare dei voucher i quali dovranno essere dati a tutti i clienti dal momento che non si possono avere quelli di serie A e quelli di serie B». Ecco quindi spuntare una nuova raccolta firme, promossa anche da molti esercenti, contro l'introduzione dei nuovi parcheggi a corona. Sono oltre 300, secondo quanto riferito dal barista Massimo (Caffé del Teatro) i cittadini che hanno aderito alla petizione e ogni giorno nuove persone si aggiungono alla lista. «Commercianti, professionisti, cittadini, firmano di loro iniziativa contro questa spiacevole novità di cui non capiano l'esigenza – commenta il barista – Al di là che nei giorni di mercato andremo a parcheggiare l'auto chissà dove, mi chiedo come sia nata sta storia dei voucher che dovremmo pagare 30 centesimi l'uno. Chi l'ha inventata è così sicuro che i commercianti acquisteranno i buoni parcheggio?»

Ma c'è un colpo di scena perché, in verità, sono stati i negozianti di corso Dante, molti mesi fa, a chiedere l'istituzione dei parcheggi a corona. «E' vero – spiega Anna Oliva, la portavoce – avevamo chiesto al sindaco di istituire i parcheggi a corona, a lisca di pesce, per agevolare il ricambio di auto sulla via e avere più stalli disponibili, ma non avevamo chiesto di estenderli anche in piazza Alfieri come invece hanno deciso di fare». Al di là di questo, Oliva chiede al sindaco di firmare un'ordinanza «che obblighi i proprietari dei negozi sfitti a tenere decorose le vetrine vuote, senza giornali e cartacce attaccate ai vetri ma, ad esempio, obbligando a mettere delle immagini o comunque qualcosa che non dia l'idea di un posto abbandonato».

«La proposta di istituire i parcheggi a corona in piazza Alfieri nasce da lontano ma solo ed esclusivamente per dare una mano ai commercianti – replica l'assessore alla Viabilità Mario Sorba – Sono stati proprio loro a chiederli e adesso la raccolta firme, mi sorprende». Anche il sindaco Brignolo conferma che la richiesta era pervenuta da corso Dante ma aggiunge: «Faremo la sperimentazione per un po' e vediamo come andrà. Anche davanti al tribunale ci furono proteste contro l'estensione dei parcheggi a pagamento ma ora nessuno si lamenta più. Per quanto riguarda i voucher dovranno essere chiesti al Comune o all'Asp ma chiaramente in una campagna di promozione del commercio in centro».

Riccardo Santagati

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale