Taglio del nastro e grande festaal nuovo parco del Borbore
Attualità

Taglio del nastro e grande festa
al nuovo parco del Borbore

E' stato ufficialmente inaugurato domenica pomeriggio, alla presenza di molte autorità cittadine, il nuovo parco del Borbore di via Atleti Azzurri. Già fruibile dall'inizio dell'estate,

E' stato ufficialmente inaugurato domenica pomeriggio, alla presenza di molte autorità cittadine, il nuovo parco del Borbore di via Atleti Azzurri. Già fruibile dall'inizio dell'estate, il parco è un grande polmone verde a ridosso di un quartiere di recente costruzione, attraversato dalla pista ciclabile che collega la Torretta a corso Alba. Il giardino, costruito tramite fondi PISU, ha accolto numerose famiglie con bambini che hanno voluto partecipare alla festa d'inaugurazione dove non sono mancati momenti di giochi con il Gam e la merenda per tutti i piccoli intervenuti, offerta dal comitato Palio Borgo Torretta.

Non è evento di tutti i giorni ufficializzare l'apertura di un nuovo parco che, prima volta ad Asti, ospita anche un'altalena per disabili tra le altre attrazioni. «Questo è solo l'inizio – ha spiegato il sindaco Brignolo – perché, dopo aver rotto il ghiaccio, ne piazzeremo anche altre in città: non si può realizzare nel 2015 un parco o un altro spazio pubblico che non sia accessibile a tutti». Il parco del Borbore, che si affaccia sull'omonimo Torrente attraverso una comoda passeggiata, è dotato anche di telecamere di sorveglianza installate con gli stessi fondi del PISU. Il sindaco Brignolo, tagliando il nastro inaugurale, ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione dell'area verde e ricordato due persone in particolare: Teresa Lazzarato e Fiore Lazzaro, due residenti nel quartiere da tempo impegnati, a titolo gratuito, a mantenere pulita l'area verde e le zone limitrofe.

Il parco vuole essere un luogo per famiglie, ma si pensa alla futura gestione che, in tempi di ristrettezze economiche da parte del Comune, dovrà comunque essere mantenuto in perfetto stato per continuare ad essere fruibile dai cittadini, in primis se diversamente abili.

Riccardo Santagati

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale