La Nuova Provincia > Attualità > Pasqua, in streaming la veglia e la messa solenne del vescovo Prastaro
Attualità Asti -

Pasqua, in streaming la veglia e la messa solenne del vescovo Prastaro

Le celebrazioni, che si svolgeranno in Cattedrale a porte chiuse, saranno trasmesse su YouTube

Veglia pasquale e messa solenne in streaming

Stanno volgendo al termine le funzioni diocesane in straming per vivere la Settimana Santa nonostante l’emergenza sanitaria in corso. Oggi, Sabato Santo – giorno di silenzio, di preghiera e di attesa della Resurrezione – non sarà celebrata alcuna messa come da tradizione della Chiesa. Solo stasera, alle 21 in Cattedrale, a porte chiuse e senza la presenza di fedeli, il vescovo Prastaro celebrerà la Veglia pasquale, trasmessa in streaming sul canale YouGazzetta di YouTube.
Domani, giorno di Pasqua, alle 11 in Cattedrale (sempre a porte chiuse), il vescovo celebrerà la messa solenne, trasmessa in streaming attraverso la consueta modalità sul canale YouGazzetta di YouTube. Nell’occasione saranno mostrati anche alcuni disegni sul tema della Resurrezione, inviati dai bambini che frequentano il catechismo nelle varie parrocchie della diocesi, selezionati da una apposita giuria.

Le parole del vescovo

“La Settimana Santa – commenta il vescovo Prastaro – rappresenta, per la nostra fede, la settimana centrale per la celebrazione del Mistero della Passione, Morte e Risurrezione di Gesù. Rivivere questi misteri fortifica e struttura la nostra esperienza di fede, ci fa camminare al fianco del nostro Signore Gesù che per amore ha dato la vita per noi, ha sconfitto la morte ed il peccato e che il Padre ha risuscitato dai morti”.
“Quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria in corso – conclude – sarà una Pasqua dolorosamente diversa per tutta la cattolicità e le chiese vuote di quest’ultimo periodo ne sono il simbolo. Ma la vicinanza nella preghiera, testimoniata dalle molteplici iniziative sviluppate in via telematica, consolidano la nostra esperienza di fede e ci predispongono agli appuntamenti della Settimana Santa per rivivere Morte e Risurrezione di Cristo, quale culmine di tutto l’anno liturgico, che illumina il senso di tutta la nostra vita cristiana”.