questore faranda cordella
Attualità

Per la festa del 25 Aprile dal Questore di Asti l’invito a restare a casa e rispettare le misure anticontagio

Il Questore Faranda Cordella ricorda che «sindaci e associazioni proporranno iniziative, anche in forma virtuale, compatibili con le esigenze di salvaguardia della salute pubblica»

L’invito del Questore di Asti

Nell’imminenza della festa del 25 Aprile, che ricorre nella giornata di domani, sabato, un invito a rispettare le disposizioni del difficile momento di emergenza giunge dal Questore di Asti Alessandra Faranda Cordella. «Cari cittadini, domani ricorre una data molto importante per il nostro Paese; si celebra, infatti, il 75° anniversario della Liberazione d’Italia. La ricorrenza capita in un momento particolare per il nostro Paese. Un momento di emergenza che, piano piano, stiamo superando, rispettando le misure disposte dalla normativa statale e locale – scrive il Questore a tutti gli Astigiani – Quest’anno, purtroppo, la contingente situazione emergenziale che il nostro Paese sta affrontando impone a ciascuno di noi l’adozione di comportamenti improntati al senso di responsabilità; lo stesso senso di responsabilità che gli Astigiani hanno dimostrato fin dal sorgere dell’emergenza, sacrificando le proprie abitudini quotidiane per tutelare un bene fondamentale quale è la salute pubblica. Anche in questa occasione, pertanto, si rende necessario il rispetto delle misure anticontagio, restando a casa e limitando i propri spostamenti ai casi di assoluta necessità. Si ricorda, quindi, che i Sindaci, quali rappresentanti della comunità, e le associazioni coinvolte porranno in essere iniziative, anche in forma virtuale, compatibili con le esigenze di salvaguardia della salute pubblica. Nel salutarvi, sicura di poter contare ancora sulla vostra preziosa collaborazione, vi giungano i miei più calorosi auguri per un buon 25 aprile. Teniamo duro ancora un po’!».

(Nella foto il Questore di Asti Alessandra Faranda Cordella – Foto Billi)

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo