La Nuova Provincia > Attualità > Piazza Roma "fantasma" fa arrabbiare i commercianti
Attualità Asti -

Piazza Roma "fantasma" fa arrabbiare i commercianti

Aver chiuso al traffico piazza Roma (solitamente adibita a parcheggio) e via Monsignor Rossi per tre giorni senza prevedere una serie di iniziative volte ad animare gli spazi liberati delle auto è

Aver chiuso al traffico piazza Roma (solitamente adibita a parcheggio) e via Monsignor Rossi per tre giorni senza prevedere una serie di iniziative volte ad animare gli spazi liberati delle auto è stato un errore che i commercianti della zona hanno evidenziato fin dal tardo pomeriggio di venerdì. Se nelle prime ore di sperimentazione la chiusura è stata giustificata dall’inaugurazione della mostra La Rinascita a Palazzo Mazzetti, sabato sono emerse tutte le criticità dell’esperimento per il quale, a detta dei commercianti, il Comune non ha fatto alcun tipo di informazione preventiva, non ha coinvolto gli esercizi commerciali nel creare eventi di richiamo e, alla fine, ha lasciato che la piazza fosse abbandonata a se stessa. Il risultato è stato qualcosa di surreale perché, se piazza Roma è rimasta sgombra dalle auto senza che qualcuno o qualcosa tentasse di animarla (se si esclude la presenza di un paio di dehors) via Monsignor Rossi, pur chiusa, è rimasta “informalmente” aperta con decine di automobilisti pronti ad ignorare il cartello di divieto posto all’incrocio con via Carducci.

Il varco, infatti, non è stato presidiato h24 (potevano passare solo i residenti) con il risultato che chiunque arrivasse sul posto pensava di poter comunque raggiungere piazza Roma. Sabato la transenna con divieto in via Monsignor Rossi è stata tolta e rimessa dozzine di volte e a metà mattinata alcuni agenti della polizia municipale hanno fatto i piantoni per bloccare passaggi non autorizzati. Nel pomeriggio, però, le auto sono transitate nuovamente. Molto arrabbiato per come il Comune ha gestito la sperimentazione è Marco Gatto, titolare della farmacia di piazza Roma. «Eravamo di turno questo week–end e chiaramente i nostri clienti avrebbero avuto diritto a raggiungere la farmacia ma così non è stato per molti di loro perché, tra la piazza inibita e via Rossi un po’ chiusa e un po’ aperta, nessuno ha capito cosa stava succedendo. In questi momenti difficili il Comune non si può permettere di prendere delle iniziative senza consultare i commercianti e senza aver fatto i dovuti studi».

Contraria alla chiusura del parcheggio anche la titolare della gelateria Il Muretto. «Chiudere il parcheggio nei fine settimana rappresenta un mancato incasso altissimo, un danno enorme, perché il mio guadagno è proprio nei week–end – spiega Patrizia Mondo – Hanno fatto la zona pedonale per vedere cosa? C’è per caso una galleria di negozi? Questa scelta è un disastro». Se si pensa che per pedonalizzare piazza Statuto ci sono voluti molti mesi di incontri, trattative, confronti con commercianti e residenti prima di arrivare alla chiusura, sembra incredibile che l’amministrazione abbia così sottovalutato l’impatto che la chiusura di piazza Roma avrebbe avuto per l’intero quartiere. Sabato pomeriggio il sindaco Brignolo e il consigliere comunale Panirossi hanno avuto modo di incontrare i commercianti proponendo qualche soluzione in vista delle prossime chiusure di piazza Roma che avverranno, come da programma, ogni fine settimana dalle 14 del sabato alle 24 di domenica.

Riccardo Santagati
@rickysantagati

Articolo precedente
Articolo precedente