green pass
Attualità
Pandemia

Piemonte, l’imminente arrivo del “Green Pass” dà uno sprint alle vaccinazioni anticovid

Oltre 20 mila richieste di vaccino nella sola giornata di venerdì dimostrano che parte della popolazione vuole ottenere il “documento verde”

I numeri non mentono ed è la Regione Piemonte a confermarlo: l’imminente introduzione dell’obbligo di avere il Green Pass per accedere a tutta una serie di servizi e locali pubblici, come da ultimo Decreto Covid, ha convinto migliaia di piemontesi a chiedere la vaccinazione.

Sono state oltre 20 mila nella sola giornata di venerdì (dato alle ore 18) le nuove adesioni alla campagna vaccinale, il doppio rispetto alla media quotidiana dei giorni precedenti.

«Crediamo nella libertà della vaccinazione – ha dichiarato il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio con l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi -, ma a chi manifesta contro il vaccino chiediamo di avere la mente aperta per valutare i risultati della vaccinazione. La prova arriva dalle nostre terapie intensive, perché delle tre persone attualmente ricoverate nessuna è vaccinata”.

Sul “Green Pass” il presidente Cirio ha però sottolineato di aver fatto presente al Governo la difficoltà di applicazione per i bar e i ristoranti: «Non possiamo pretendere che i titolari diventino dei sanzionatori e il controllo non deve diventare l’ennesima incombenza a loro carico».

Da lunedì accesso diretto per la vaccinazione dei ragazzi

Le ragazze ed i ragazzi di tutto il Piemonte che hanno tra 12 e 19 anni da lunedì 26 luglio potranno farsi vaccinare con accesso diretto anche senza preadesione nei centri elencati nel documento emanato dalla Regione.

Dal momento che il vaccino attualmente autorizzato per la fascia 12-18 anni è Pfizer (nelle scorse ore l’Ema ha approvato anche l’uso del vaccino Moderna per la fascia 12-17 anni), prima di recarsi presso un hub per l’accesso diretto è importante verificare che sia in fase di somministrazione quel giorno presso il centro vaccinale scelto uno dei vaccini autorizzati per l’età interessata.

Ad Asti l’hub vaccinale diretto, dedicato ai ragazzi, è all’ospedale Cardinal Massaia con i seguenti orari: da lunedì a Venerdì dalle 13 alle 18, sabato e domenica dalle 9 alle 15.

La vaccinazione con accesso diretto sarà garantita compatibilmente con le disponibilità delle dosi e sarà consentita sia a chi non ha ancora aderito alla campagna vaccinale sia a chi si è già registrato sul portale www.IlPiemontetivaccina.it

Per questi ultimi non sarà necessario cancellare la prenotazione/adesione, in quanto sarà il sistema a farlo in automatico dopo l’avvenuta vaccinazione.

I minorenni dovranno essere accompagnati da un genitore/tutore munito di autocertificazione di responsabilità genitoriale e consenso alla vaccinazione. L’autocertificazione e il consenso, unitamente alla copia di un documento di identità valido, dovranno essere consegnati per entrambi i genitori, oppure per il tutore, oppure unitamente alla dichiarazione di famiglia monogenitore.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail