Marisa Novelli
Attualità
Da vedere

Piovà Massaia e quella curiosa mostra sull’Italia degli “strofinacci”

Allestita da Marisa Novelli partendo dalla sua collezione privata di teli da cucina stampati come souvenir. Si tratta in realtà di fini lavori di illustrazione

Se guardiamo bene nei cassetti e negli stipetti della cucina delle mamme e delle nonne, ne troveremo anche noi di strofinacci-souvenir cui magari non avevamo dato la debita importanza. Magari proprio un pezzo unico che merita di finire nell’originale mostra allestita a Piovà Massaia da Marisa Novelli accanto al Museo del Combattente.
Un’infilata di strofinacci che arrivano da tutta Italia, ovviamente mai utilizzati per i lavori di cucina, ma accuratamente riposti e conservati in una valigia che la Novelli tiene in casa e che ha aperto, negli anni, solo per aggiungere quelli acquistati durante i viaggi.
Un souvenir curioso, magari passato di moda (la collezionista di Piovà dice che è sempre più difficile trovarne) ma con una sua nicchia di amatori.
Anche perchè sono delle piccole opere d’arte su tela.
«Ho scoperto che la ditta che stampa la maggior parte di questi strofinacci è di Marentino – spiega la Novelli – e il titolare, Mario Rosso, mi ha spiegato che dietro ad ogni telo vi è uno studio grafico di tutto rispetto. Spesso sono illustratori professionisti che preparano il bozzetto, ne studiano i colori, le scritte e, trattandosi quasi sempre di “prodotti” a carattere geografico, riportano monumenti storici, confini e prodotti tipici con grande accuratezza».
Insieme a quelli delle località (Napoli, Basilicata, Calabria, Roma, Cascata delle Marmore tanto per citarne qualcuno) ci sono anche quelli tematici come quelli dedicati all’Italia della Pasta, dell’olio, dei vini, dei liquori con le indicazioni di tutti i nomi per ogni città sullo Stivale. E ancora lo strofinaccio che riassume la favola di Pinocchio, quella con i principali monumenti d’Italia, uno dedicato solo a Padre Pio, l’Italia delle squadre di calcio. le Alpi olimpiche. Fra i più curiosi e didattici, sicuramente lo strofinaccio che riporta, dettagliatamente, per ogni regione d’Italia, la varietà di olive che vi si coltivano.
In fondo sono dei piccoli riassunti della biodiversità alimentare italiana e della sua straordinaria ricchezza artistica e culturale.
Non poteva mancare, ovviamente, lo strofinaccio dedicato a Piovà e al suo cardinale Guglielmo Massaia, il cui bozzetto è stato studiato dalla stessa Novella che ne ha fatto stampare qualche centinaio di esemplari.
Visita su richiesta telefonando al numero 333/6144720.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo