Più interventi di pulizia e severitàL'offensiva del Comune contro gli incivili
Attualità

Più interventi di pulizia e severità
L'offensiva del Comune contro gli incivili

Nuova controffensiva dell’amministrazione, con l’ausilio della polizia municipale, contro chi insozza gli spazi urbani e, in particolare, chi non rimuove le deiezioni canine portando a spasso il

Nuova controffensiva dell’amministrazione, con l’ausilio della polizia municipale, contro chi insozza gli spazi urbani e, in particolare, chi non rimuove le deiezioni canine portando a spasso il proprio animale domestico o abbandono rifiuti dove capita. Nei giorni scorsi tre persone sono state multate dalla polizia municipale per aver abbandonato dei rifiuti in via Secondo Pia. Si è trattato di un’azione mirata «volta a sanzionare – si legge in una nota del Comune – i maleducati che sporcano la città. Da tempo venivano segnalati abbandoni di rifiuti nei pressi della campana del vetro di via Pia e spesso l’Asp era costretta a effettuare interventi straordinari di pulizia. Il personale della polizia municipale ha quindi provveduto ad effettuare appostamenti in borghese che hanno consentito di fermare e sanzionare due persone».

Queste hanno buttato rifiuti dietro la campana del vetro mentre una terza persona non ha raccolto le deiezioni canine, finendo con l’essere multata. Il sindaco Brignolo, soddisfatto per questo primo risultato, commenta: «L’intervento si inserisce in un nuovo corso che prevede da un lato interventi supplementari per pulire di più la città, dall’altro maggior severità». Attualmente in prossimità delle campane del vetro, che spesso divengono ricettacolo di rifiuti abusivi, vengono effettuati due passaggi settimanali di pulizia.

«A partire dal mese di giugno presso le campane ove si rilevano abbandoni, sarà effettuato un terzo passaggio settimanale e si comincerà a intervenire con pulizia di aree (ad esempio la parte posteriore della Caserma Colli di Felizzano) che fino a oggi non venivano contemplate dal contratto di servizio tra Comune e Asp – prosegue il sindaco – Tutti questi sforzi comportano costi supplementari che poi devono essere pagati dai cittadini con le bollette della tassa rifiuti; per questo occorre anche far cessare il malcostume di chi sporca impunemente la città. Queste persone devono sapere che d’ora in poi, grazie agli appostamenti della polizia in borghese e alle attività condotte dalle associazioni di volontariato (ad esempio fotografando chi scaricava presso il Tanaro) non possono più dormire sonni tranquilli».

r.s.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo