Monteprese
Attualità
Appuntamenti

Presepi e concerti nelle festività montegrossesi

Venerdì 6 gennaio, alle 16, nella chiesa parrocchiale, esibizione del coro di Montegrosso “Bonae Voluntatis” e di quello di Isola Santa Caterina
Anche quest’anno Maurizio Nanni, Aldo Londo e Vincenzo Mondo, appassionati di presepi, hanno dato il loro contributo per l’allestimento della grandiosa opera, lunga 8 metri e larga 2, in gran parte in movimento, all’interno della chiesa di frazione Santo Stefano. Artefice principale dell’iniziativa è Maurizio Nanni che con la sua fantasia e manualità ogni anno stupisce con creazioni sempre nuove: aiutato dal giovane Gabriele Marola, da Luciano e Giovanni ha realizzato il paesaggio di Betlemme in maniera originale e suggestiva, con statue in gesso alte 30 centimetri, originali e preziose.

Aldo Londo, di Asti, ha invece regalato alla parrocchia quattro statue in gesso provenienti dalla rinomata casa costruttrice di presepi Frisa di Recanati: un cammello, due zampognari, una lavandaia e un pastore, personaggi che mancavano nel presepe. Vincenzo Mondo, organista della parrocchia di Montegrosso, ha restaurato e rinfrescato alcune statue un po’ segnate dal tempo.

Il presepe è stato realizzato nel contesto della rassegna “Oro Incenso Mirra”; e da visitare a Montegrosso ci sono anche i presepi nel centro storico e nella cantina Marchisio; e la mostra di presepi napoletani “Te piace ‘o presepe?” allestita nella chiesa dei Battuti dal Lions Club storici, artisti e presepisti di Asti.

Ultimo appuntamento in programma durante le feste venerdì 6 gennaio, alle 16, nella chiesa parrocchiale, con l’esibizione del coro di Montegrosso “Bonae Voluntatis” e di quello di Isola Santa Caterina. Precedentemente  si era svolto lunedì 26 dicembre nella chiesa di S. Stefano il concerto della banda musicale “Francesco Gazza” e della Mandolinistica di Asti “Pietro Paniati”.

Nella foto, Vincenzo Mondo e Giovanni Bianco mostrano le statue restaurate.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo