La Nuova Provincia > Attualità > Presidio per tutta la notte a sostegno della Sea Watch 3 in piazza San Secondo
AttualitàAsti -

Presidio per tutta la notte a sostegno della Sea Watch 3 in piazza San Secondo

Per dare sostegno solidale alla ong che si sta battendo per non far tornare in Libia i profughi

Si comincia alle 21

Comincerà fra poco, alle 21, il presidio notturno indetto dalla rete Welcoming di Asti per un sostegno solidale all’odissea della Sea Watch 3, la nave della ong che ha salvato in mare  42 persone provenienti dalla Libia e cui il Governo italiano ha negato l’autorizzazione a sbarcare.

Come noto la nave si è avvicinata ugualmente alle coste di Lampedusa chiedendo ripetutamente di poter portare a terra i profughi che, dopo 12 giorni di navigazione, hanno bisogno di soccorso.

Chiedono di poter sbarcare

«Immaginate come deve sentirsi una persona che è scappata dalle carceri libiche e che ora si trova qui, costretta in uno spazio angusto, seduta o sdraiata senza potersi muovere – scrivono gli organizzatori – Ci chiedono aiuto, chiedono aiuto alle persone a terra perchè sono stanchi, esausti e vogliono solo scendere».

Il sit in ideato a Lampedusa

I primi ad aver dato un segno tangibile di solidarietà sono stati i membri del Forum Lampedusa Solidale  e parroco dell’isola che dal 19 giugno trascorrono le notti sul sagrato della Chiesa di San Gerlando invitando a replicare l’iniziativa in altre parti d’Italia. Stasera l’appello è stato raccolto da Welcoming Asti, la rete che raccoglie numerose associazioni e realtà operanti nel sociale.

Se la situazione non si sbloccherà positivamente prima, il presidio durerà dalle 21 alle 7 di domani mattina.

5 Commenti

  • Silvi ha detto:

    Ma perché devono venire tutti in Italia?
    Sappiamo se veramente sono profughi di guerra o delinquenti?
    Salvini fa bene……..
    Perché l Olanda non li accetta?

  • andrea ha detto:

    Come al solito si tratta di gruppi di pressione costituiti da una decina di buonisti faziosi che fanno solo baccano. Insomma radical Chic figli di papà che non si azzardano nemmeno lontanamente ad andare a Lampedusa a portarseli a casa propria i migranti. Mi pare ovvio visti i risultati politici che la maggioranza degli italiani la pensa molto diversamente per fortuna.

  • gian ha detto:

    Poi ci raccontano anche che questi migranti non vorrebbero fermarsi in Italia, ma allora perchè non li portano direttamente nei Paesi che gli aggradano ? Ci prendono anche in giro raccontandoci che alcuni Paesi si sono offerti di accoglierli, si, ma non questi,perchè finchè non hanno ricevuto lo status di rifugiato o di protezione internazionale non possono andare da nessuna parte, e oltretutto devono anche essere d’accordo sulla destinazione loro assegnata. E questi vale anche per i prossimi che arriveranno…

  • Silvi ha detto:

    Non se ne può più di questa situazione migratoria……È uno schifo….Come si fa sapere se sono veramente profughi di guerra o delinquenti? Non hanno documenti………

  • Silvi ha detto:

    Ovviamente volevo scrivere “”di immigrazione”””” scusate l errore…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente