Nuova scuola materna De Benedetti1
Attualità
Galleria 
Edilizia scolastica

Questa mattina il taglio del nastro della nuova materna De Benedetti

Ma già da ieri i 150 alunni sono rientrati nell’edificio ristrutturato dov’è stata costruita anche una nuova mensa

Il taglio del nastro della nuova scuola materna De Benedetti, alla presenza delle autorità, avverrà questa mattina, martedì, alle 11. Ma già ieri, al termine della vacanze di Natale, i bambini hanno potuto varcare i cancelli della nuova accogliente struttura di via Cecchin dopo i lavori di ristrutturazione e ampliamento iniziati alcuni anni fa e terminati a dicembre. Alla De Benedetti ci sono 6 sezioni per circa 150 bambini iscritti.

Si è trattato di un maxi intervento di riqualificazione e messa in sicurezza che, però, ha dovuto fare i conti, a giugno 2021, con il fatto che una delle due imprese che si erano aggiudicate l’appalto, in particolare quella che avrebbe dovuto ricostruire il vecchio edificio, chiese chiesto al Comune la risoluzione del contratto perché non sarebbe più stata in grado di completare i lavori come da capitolato e secondo i termini della gara. Questo aveva comportato lo stop dei lavori e l’aggiudicazione degli stessi, dopo una seconda gara, all’impresa “Ing. Roberto Cannella” che ha completato l’opera.

Insomma, il taglio del nastro di oggi è più che simbolico perché rappresenta per molte famiglie la fine dei disagi provocati dai trasferimenti delle classi in altri plessi scolastici della città. Il Comune sperava di aprire la scuola entro ottobre, ma alla fine è stato necessario attendere le vacanze di Natale per completare il trasloco delle classi nella nuova struttura dov’è stata costruita anche una moderna mensa oltre ad essere stato completamente ristrutturato l’edificio principale già esistente.

La nuova De Benedetti è stata rinforzata dal punto di vista strutturale con misure antisismiche, ha il riscaldamento a pavimento, è tutta coibentata, dotata di nuovi impianti elettrici, pannelli solari, nuovi serramenti, luminosi locali e bagni in ceramica ancora più accoglienti. La mensa, collegata direttamente al corpo principale, è stata costruita nel rispetto dell’efficientamento energetico e acustico, come il resto dell’edificio. La zona mensa, che si estende su 200 mq, è costata 500 mila euro mentre il resto dell’edificio si estende su 800 mq. Il progetto complessivo ha avuto un costo di 800 mila euro.

Lunedì riapre la nuova Lina Borgo di via Vigna

Se gli alunni della scuola De Benedetti sono tornati in sede ieri, i prossimi a varcare l’ingresso di una scuola ristrutturata e più accogliente saranno gli oltre 100 bambini della scuola materna Lina Borgo di via Annibale Vigna. Tutti di età compresa tra 3 e 5 anni, i bimbi, a inizio 2022, avevano lasciato la sede per continuare l’anno nei container prefabbricati allestiti nel cortile dell’Enofila in corso Felice Cavallotti.

Una soluzione subito criticata da diversi genitori, ma in realtà poi funzionale dal momento che le classi furono trasferite a poche centinaia di metri dalla Lina Borgo e i container, in realtà prefabbricati accoglienti e dotati di tutti i servizi necessari, si sono rivelati adeguati alle necessità. L’assessore ai Lavori Pubblici Morra ha già confermato che il ritorno a scuola dei bambini avverrà lunedì prossimo, 16 gennaio.

[foto Ago]

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo