La Nuova Provincia > Attualità > Record a Castagnole Monferrato: in casa di riposo nessun ospite positivo al Covid
Attualità Moncalvo e Nord -

Record a Castagnole Monferrato: in casa di riposo nessun ospite positivo al Covid

Arrivati gli esiti dei tamponi e gli anziani sono tutti negativi

I tamponi non mentono: tutti negativi

C’è una casa di riposo astigiana in odor di record, in settimane in cui non si fa che inseguire il triste bollettino di contagi nelle rsa che accolgono anziani.

Lunedì mattina sono stati eseguiti i tamponi su tutti gli ospiti e il personale della Casa di Riposo Coniugi Valpreda Capitolo di Castagnole Monferrato. Ieri, dopo appena 3 giorni, sono arrivati gli esiti: tutti negativi. Una grande notizia che dimostra come sia possibile evitare il contagio all’interno delle strutture per anziani.

Massimo rigore

«Un risultato frutto innanzitutto di molto, molto rigore: per esempio la rigida osservanza delle direttive, che ci ha visto chiudere la residenza agli accessi esterni sin dal 24 febbraio scorso, e il totale rispetto, da parte del personale, delle procedure durante i turni di lavoro e delle misure cautelari per il contenimento del rischio nel tempo libero. A tutti loro un grande plauso, per la determinazione, la tenacia e lo spirito con il quale stanno affrontando questi giorni difficili», fanno sapere dalla Casa di Riposo diretta da Marcella Serpa.

Nonnini al sicuro

Notizia che viene ripresa anche dal sindaco Francesco Marengo che vuole ringraziare «La direttrice, il consiglio di amministrazione e tutto il personale che con grande senso di responsabilità e rispetto hanno saputo gestire magistralmente finora l’emergenza Covid-19. I nostri nonnini sono al sicuro».

Certo, resta l’amarezza di vedere gli ospiti divisi dalle loro famiglie e la struttura isolata dal territorio. «Tutto il contrario di ciò che abbiamo sempre voluto e per il quale abbiamo sempre lavorato. Cerchiamo di colmare il vuoto – scrivono dalla direzione della RSA – almeno in parte attraverso il servizio di videochiamate Messenger e Whatsapp e l’intensificazione delle attività di animazione in struttura».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente