Ore di paura per il livello del Belboma la Regione “dimentica” l’allerta
Attualità

Ore di paura per il livello del Belbo
ma la Regione “dimentica” l’allerta

Notte da brivido in Balle Belbo, quando mercoledì sera il livello del torrente ha sfiorato i livelli di guardia. Da Canelli fino a Incisa Scapaccino passando per Nizza i primi cittadini sono rimasti

Notte da brivido in Balle Belbo, quando mercoledì sera il livello del torrente ha sfiorato i livelli di guardia. Da Canelli fino a Incisa Scapaccino passando per Nizza i primi cittadini sono rimasti costantemente in contatto tra loro nel monitorare l’andamento delle acque. A causa delle piogge abbondanti a monte, il Belbo si era ingrossato già nel tardo pomeriggio e in alcuni punti, lungo il suo percorso, era almeno di un metro perché esondasse. Uomini della protezione civile, i vigili del fuoco, i sindaci ma anche qualche cittadino preoccupato è rimasto a controllare gli argini fino a mezzanotte. Poi il livello delle acque è diminuito scongiurando il pericolo di un’esondazione.

Tirato un sospiro di sollievo monta ora la polemica perché nessun bollettino della Regione Piemonte preannunciava un’allerta meteo. «Siamo rimasti fino a notte fonda lungo gli argini a monitorare il torrente. Spinti dal buon senso perché nessun avviso di allerta era stato diramato – racconta Flavio Pesce, sindaco di Nizza Monferrato –  lo scampato pericolo fa capire che i lavori di contenimento delle acque hanno funzionato». Gli fa eco da Incisa il collega Matteo Massimelli, il quale aggiunge: «Non è possibile: ormai vengono diramati avvisi di allerta meteo anche quando scendono due gocce. Poi, di fronte ad una situazione critica come quella di ieri sera noi sindaci restiamo soli».

A Incisa scuole chiuse giovedì mattina mentre a Canelli Marco Gabusi precisa, anche in qualità di vice Presidente della Provincia: «gli avvisi di allerta vengono inviati dal Coordinamento Regionale della Protezione Civile alla Provincia, che poi si premura di inviarli ai Comuni. Nessuna comunicazione è però arrivata da Torino. Chiaro che qualcosa non ha funzionato e sarebbe opportuno chiarire il perché». Anche in Valle Bormida si sono contate ore di paura per il torrente che in alcuni tratti ha superato i livelli di guardia. «Per fortuna non si sono registrati allagamenti e confermo: neanche nella nostra Valle abbiamo ricevuto l’ allerta meteo. Con i miei colleghi siamo rimasti in costante contatto telefonico» dice Stefano Reggio, sindaco di Bubbio.

Scongiurato il pericolo alluvione, ora i comuni si trovano a dover affrontare il problema delle frane. Canelli è il centro maggiormente colpito. La terra ha ceduto nuovamente in Regione Merlini, lungo il primo tornante della strada comunale. Qui la terra è ancora in movimento e per il momento l’assessore Firmino Cecconato non sa dire quando la strada verrà riaperta.  In regione Monforte una famiglia è rimasta isolata e altri due smottamenti si sono registrati in regione Castellero e regione Braglia. A Cassinasco frana in zona Cire mentre a Nizza non si sono registrati ulteriori smottamenti oltre a quelli che erano già in essere in Strada Vaglio, Strada Praiotti e Mantinera. In Valle Bormida si sono avuti alcuni piccoli smottamenti e solo lungo strade secondarie, in aperta campagna. Per una volta le due strade provinciali che portano a Canelli e verso Acqui hanno passato illese il maltempo.

Lucia Pignari

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo