Rischio idrogeologico, la Regionedà il via alla rimozione del legname
Attualità

Rischio idrogeologico, la Regione
dà il via alla rimozione del legname

La Regione Piemonte sceglie di puntare sulla prevenzione al fine di limitare il rischio idrogeologico e lo fa attraverso una delibera che permette la rimozione del legname che è in procinto di cadere

La Regione Piemonte sceglie di puntare sulla prevenzione al fine di limitare il rischio idrogeologico e lo fa attraverso una delibera che permette la rimozione del legname che è in procinto di cadere nell’alveo dei fiumi o che è già stato trasportato dalle correnti senza necessità di autorizzazioni, delegando il compito alle associazioni che sono attrezzate per svolgere questo tipo di attività unitamente ai coltivatori. Questo è quanto emerso dall’incontro tenutosi lunedì a Cuneo al quale sono intervenuti l’assessore regionale all’ambiente Valmaggia, il viceministro Costa, l’ingegnere Condorelli di AIPO (Agenzia interregionale per il fiume Po), i funzionari della protezione civile e gli amministratori comunali e provinciali. Unico rappresentante astigiano Oscar Ferraris, legale rappresentante dell’associazione volontari protezione civile città di Asti e consigliere delegato al servizio protezione civile che ha definito l’incontro utile e interessante perché ha permesso di fare chiarezza sul nuovo indirizzo regionale in materia di manutenzione fluviale.

«L’incontro, dal quale è emersa la volontà forte della Regione di fare più attività preventiva, si è concentrato in modo particolare sulle problematiche che interessano il fiume Tanaro e i suoi affluenti e per questo si è scelto di discuterne a Cuneo» spiega Ferraris. Insomma, si facilitano le operazioni di pulizia e mantenimento degli alveoli per evitare di dover intervenire a seguito di un’inondazione che, aldilà del pericolo, del danno e del disagio, risulta essere più problematico e molto più costoso. «Entro fine mese vorremmo organizzare insieme all’amministrazione comunale e all’assessore regionale all’agricoltura Ferrero una conferenza ad Asti per spiegare agli agricoltori quali sono le attività ora permesse senza autorizzazioni – aggiunge ancora Ferraris che, tornando sulla situazione astigiana spiega – seppur il Tanaro presenti alcune criticità nel cuneese come nell’astigiano e nell’alessandrino, a necessitare di maggiori interventi nella nostra provincia sono i suo affluenti e in particolare il Versa e il Borbore.

Per questo da sei anni, la nostra associazione, grazie a 50 volontari e un buon numero di personale qualificato all’utilizzo delle motoseghe (dal 2013 è obbligatorio il patentino), interviene periodicamente nella rimozione non solo di legname, ma anche di rifiuti abbandonati (fenomeno fortunatamente in calo) o piccoli arbusti che, in caso di piena, rischiano di creare pericolose barriere con il conseguente rallentamento del flusso delle acque e un innalzamento del livello. Sabato, per esempio, abbiamo ultimato la pulizia del rio Rilate in prossimità del ponte di corso Torino; un lavoro di manutenzione che l’associazione svolge per conto del Comune che – precisa Ferraris – in qualità di proprietario dei ponti, è responsabili della pulizia del corso d’acqua per un tratto di 50 metri a monte e 50 metri a valle della struttura». Più problematici gli interventi di dragaggio dei fiumi che devono sottostare a una preventiva perizia idrogeologica e al piano di bacino e la quantità di materiale rimosso non può superare, in Pimonte, il limite massimo di 10 mila metri cubi.

Marzia Barosso

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo