Sala professori a “cielo aperto”contro il ministro Francesco Profumo
Attualità

Sala professori a “cielo aperto”
contro il ministro Francesco Profumo

Docenti a correggere i compiti e preparare le lezioni che terranno in classe il giorno successivo. Apparirà così, giovedì, piazza San Secondo per l’iniziativa promossa da un gruppo spontaneo di insegnanti astigiani per sensibilizzare la cittadinanza sul lavoro del docente. Il decreto "Spending review" prevede infatti novità tra cui l’aumento di sei ore, a titolo gratuito, dell’orario di lavoro settimanale per gli insegnanti delle scuole medie e superiori…

Piazza San Secondo come una grande aula a cielo aperto, in cui i docenti correggeranno i compiti e prepareranno le lezioni che terranno in classe il giorno successivo.
Apparirà così, giovedì dalle 15.30, l’iniziativa promossa da un gruppo spontaneo di insegnanti astigiani per sensibilizzare la cittadinanza sul lavoro del docente, che esula dalle ore trascorse in classe ma comporta lavoro anche a casa, in vista dei nuovi provvedimenti contenuti nel cosiddetto decreto legge “Spending review”.

Il decreto prevede infatti una serie di norme che interessano il settore della scuola, tra cui il divieto della monetizzazione delle ferie non godute, che riguarda tutto il pubblico impiego, e l’aumento di sei ore, a titolo gratuito, dell’orario di lavoro settimanale per gli insegnanti delle scuole medie e superiori, che rischia anche di allontanare l’ingresso di molti precari nel mondo della scuola.
Provvedimenti contro cui si stanno muovendo proteste da parte dei lavoratori del settore e del sindacato: ad esempio, la Flc Cgil chiede la cancellazione di questi provvedimenti.

L’iniziativa di giovedì (che aveva avuto dei precedenti di protesta già qualche giorno fa in tutta Italia con successive dichiarazioni del ministro Profumo – leggi articolo) potrebbe essere ripetuta venerdì pomeriggio nel caso in cui ci fossero adesioni numerose e servirà anche a lanciare l’assemblea autoconvocata e trasversale – in programma venerdì 26 ottobre alle 21 nell’ex sala consiliare del Municipio – aperta a docenti, studenti e genitori, per discutere appunto sul futuro della scuola.

Elisa Ferrando

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo