La Nuova Provincia > Attualità > Sicurezza e prevenzione: oltre le leggi occorre la cultura
AttualitàAsti -

Sicurezza e prevenzione: oltre le leggi occorre la cultura

Venerdì sera ad Astiss ospite dell’associazione FormInLife anche Michele Servalli, ideatore del sistema anti abbandono dei bambini in auto

Ad Asti il filo rosso della prevenzione con FormInLife

E’ stato il “filo rosso della prevenzione”a condurre molti astigiani, venerdì sera, al polo universitario di Astiss per assistere a una serata dedicata alla sicurezza e alla prevenzione degli incidenti. Sicurezza sui luoghi di lavoro, in auto, a casa, per strada con un occhio di riguardo alle buone prassi che i genitori dovrebbero osservare per garantire ai figli, specie se piccoli, di non correre rischi o pericoli seri. Relatori diversi esperti dell’associazione FormInLife, Formazione Informazione Vita: infermieri e medici specializzati in emergenza e urgenza che, da anni, si occupano di formare e informare i cittadini sull’importanza di saper gestire le emergenze nell’attesa che intervengano gli operatori del 118.

Ogni anno in Italia 60.000 morti per arresto cardiaco

Perché, come spiegato durante la serata, promossa e patrocinata dal Comune di Asti, ogni anno si contano, ad esempio, circa 60.000 morti, solo in Italia, per arresto cardiaco e che diventano 300.000 in tutta Europa: «Il tempo è tiranno – spiega Marco Pappalardo, infermiere specializzato nelle emergenze e presidente di FormInLife – più si allunga, più si accorcia la vita delle persone. Dopo 8, 10 minuti da un arresto cardiaco il cervello inizia a subire danni irreversibili quindi non è possibile attendere i sanitari senza fare nulla, ma siete voi che dovete fare la differenza, con le vostre mani, per ridare la vita a qualcun altro». Toccante è stata la testimonianza di Cristina che, alcuni anni fa, partecipò a una  lezione di FormInLife sul primo soccorso e utilizzo del defibrillatore. Dopo molti mesi la vita di Cristina ha incrociato quella di Tiziano, 62 anni, andato in arresto cardiaco e destinato a morte certa, o nella migliore delle ipotesi a restare in vita con gravissimi danni cerebrali, se la ragazza non si fosse ricordata che avrebbe potuto usare un defibrillatore per fare la differenza. «Sono andata a prendere il defibrillatore, – ricorda – poi giunta da Tiziano ho appoggiato le piastre sul suo torace e schiacciato il bottone con il simbolo del flash. Il corpo ha fatto un sussulto e lui si è risvegliato. 7 minuti dopo il suo risveglio, è arrivata l’ambulanza».

Un rap per la sicurezza sul lavoro

La sicurezza sui luoghi di lavoro è stata illustrata da Fabio Bosticco (RSPP) che ha fornito dati molto preoccupanti: «Nel 2018 ci sono stati 1.133 morti per questioni lavorative, in crescita rispetto al 2017. Il Dlgs 81/2008, quello che regola la sicurezza sui luoghi di lavoro, non basta perché oltre alle regole occorre la cultura della sicurezza». Bosticco ha lanciato anche il video musicale “Jim’s Story”, del giovane rapper torinese D Trip, che racconta con coraggio ed efficacia il tema della sicurezza sul lavoro.

Sempre Bosticco ha fornito una riflessione importante sugli incidenti in auto: «Ben 3 persone al giorno muoiono sul posto di lavoro, 9 in strada di cui 8 perché non indossano la cintura di sicurezza. Di questi 4 si trovano sui sedili posteriori. Secondo una statistica, l’unico tratto delle autostrade dove non avvengono mai incidenti è quello compreso nei 5 minuti successivi a un incidente. Perché? Perché vedendo uno schianto, magari con il morto ancora coperto sull’asfalto, ci scatta la consapevolezza dei rischi che corriamo. Poi, però, dopo 5 minuti torniamo guidare come prima».

Il sistema anti abbandono per seggiolini d’auto

Come viaggiare sicuri in auto, quando si trasportano bambini, è stato spiegato da Michela Cavallotto del team di FormInLife. Molto interessante l’intervento di Michele Servalli, Ceo di Remmy CarBabyAlert. Servalli è ideatore, insieme a Carlo Donati, di Remmy, un dispositivo che si piazza sotto la seduta di un qualsiasi seggiolino per auto e, collegato all’accendisigari, segnala, a motore spento, se il bimbo si trovi seduto a bordo. Un dispositivo progettato nel 2013 dopo l’ennesimo bambino morto in auto perché “dimenticato” dal padre. «Eppure – precisa Servalli – nella maggior parte dei casi non si può parlare di dimenticanza perché il genitore è convinto di averlo portato a scuola. Si tratta di un falso ricordo, un’amnesia dissociativa perché il cervello ti dice di aver fatto qualcosa che in realtà non è mai avvenuta».

Michele Servalli

Dal 1^ luglio ogni seggiolino che trasporta bimbi sotto i 4 anni dovrà essere dotato di un dispositivo anti abbandono come quello ideato da Servalli. A Ilaria Varese, specialista in anestesia e rianimazione, anch’essa istruttrice di FormInLife, il compito di illustrare l’importanza di creare ed estendere la catena della sopravvivenza pediatrica tenuto conto dei numeri forniti dall’OMS: «Ben 830.000 bambini muoiono ogni anno nel mondo a causa di incidenti. Di questi 260.000 a seguito di incidenti stradali, 175.000 annegati in corsi d’acqua, al mare, in piscina o a casa, 96.000 perdono la vita per ustioni, 47.000 per cadute accidentali e 45.000 dopo avvelenamenti dopo aver ingoiato medicinali, detersivi o altri prodotti che teniamo in casa». In media ogni minuto muore un bambino e mezzo, un dato impressionante che anche grazie ad associazioni come FormInLife può e dev’essere ridotto seguendo il filo rosso della prevenzione.

Il team di FormInLife è altamente qualificato, composto da infermieri e medici specializzati in emergenza e urgenza, nonché certificato per poter formare grandi e piccini.

Per maggiori informazioni sulla serata è possibile contattare l’Associazione FormInLife all’indirizzo mail info@forminlife.it o chiamando il numero 349-1947409 (Marco Pappalardo). FormInLife è su internet all’indirizzo https://forminlife.it o sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/forminlife/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente