Lavori in corso in strada SottoroccheLa riapertura è prevista in primavera
Attualità

Lavori in corso in strada Sottorocche
La riapertura è prevista in primavera

Chiusa da anni, con un’ordinanza del dicembre 2008, sta per riaprire al transito la strada Sottorocche in località Molini di Isola, che porta in frazione Villa. In questi mesi l’amministrazione

Chiusa da anni, con un’ordinanza del dicembre 2008, sta per riaprire al transito la strada Sottorocche in località Molini di Isola, che porta in frazione Villa. In questi mesi l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Fabrizio Pace ha realizzato la maggior parte degli interventi necessari per consentire nuovamente ai veicoli di percorrerla. «Si era formata una grossa buca che tagliava orizzontalmente la strada: abbiamo ripristinato il fondo e già provveduto ad interventi di pulitura», spiega Pace. Sono state ripulite le sponde, consentendo la raccolta della legna, e sono stati rifatti i fossati da parte dei cantonieri del Comune.

«C’è stato qualche rallentamento nei lavori, in quanto per un lotto di terreno, che andava ripulito dalle piante cadute sulla strada, abbiamo dovuto attendere l’autorizzazione da parte del curatore fallimentare – evidenzia il primo cittadino – Abbiamo ottenuto il permesso e fra poco tempo provvederemo alla pulizia». Nei prossimi giorni si interverrà anche attraverso la pulitura del fondo stradale tramite la macchina spazzatrice e sarà realizzata la segnaletica orizzontale (si attendono migliori condizioni climatiche rispetto ai mesi più freddi dell’inverno, al fine di non vanificare il lavoro).

L’apertura è prevista per la primavera. Il restyling di strada Sottorocche è stato realizzato con una spesa di circa 5 mila euro. L’intervento renderà assai più agevole il collegamento dai Molini e dalla zona del Piano di Isola con la borgata Villa. Attualmente i residenti devono infatti optare per i percorsi alternativi della via Valtiglione (Centro congressi) oppure di un’altra strada in territorio di Mongardino.

m.m.t.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo