Studente astigiano finalistaal Google Science Fair
Attualità

Studente astigiano finalista
al Google Science Fair

Ha saputo di essere l'unico italiano tra i 90 finalisti del Google Science Fair, la più grande competizione scientifica al mondo, martedì, lo stesso giorno in cui ha sostenuto il colloquio orale

Ha saputo di essere l'unico italiano tra i 90 finalisti del Google Science Fair, la più grande competizione scientifica al mondo, martedì, lo stesso giorno in cui ha sostenuto il colloquio orale della Maturità, da cui è uscito con 100/100 e lode. Una bella soddisfazione per Andrea Senacheribbe, studente del liceo scientifico "Vercelli" che ha partecipato alla competizione internazionale che offre a giovani scienziati, ricercatori e inventori tra i 13 e i 18 anni la possibilità di provare a realizzare un progetto sul tema "E' la tua occasione per cambiare il mondo".

Lo studente astigiano, nello specifico, ha partecipato con un progetto focalizzato sulla creazione di un algoritmo genetico per la ricerca di un farmaco anti Ebola, che si è distinto tra le 5mila proposte da tutto il mondo giunte alla commissione esaminatrice. «In sostanza – spiega Andrea – ho creato un programma informatico, un metodo per sviluppare farmaci, in questo caso contro l'Ebola, dato che quando ho pensato di partecipare al concorso si susseguivano notizie su questo grave problema». Andrea ha lavorato al progetto tra aprile e metà maggio, conciliando lo sviluppo della proposta con lo studio in preparazione all'Esame di Stato. «Ho fatto tutto da solo, ma devo ringraziare gli amici per il supporto che mi hanno dato e l'insegnante di Scienze, Fernanda Molinaris, per avermi trasmesso la passione per la biologia e la chimica, che si è andata a sommare a quella per l'informatica che possedevo già prima di cominciare il liceo».

Ora Andrea attende la data del 4 agosto, ovvero il giorno in cui saranno proclamati i 20 vincitori della competizione. «Sarebbe un sogno, perché i 20 selezionati vinceranno un viaggio nella sede di Google, in California, per ricevere il premio dedicato alla categoria del progetto presentato, dalla chimica alla matematica. Certo, in quell'occasione saranno poi decretati i 5 progetti migliori in assoluto, ma, come ho detto, sarebbe già un sogno arrivare tra i primi venti». Il premio più prestigioso è una borsa di studio da 50mila dollari, ma molto interessanti sono anche gli altri riconoscimenti, come i programnmi di formazione curati da Scientific American e Google. In attesa dei risultati, Andrea ha le idee chiare sul suo futuro: «Mi iscriverò ad Ingegneria informatica», afferma.

Elisa Ferrando

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo