Nonni connessi
Attualità
Formazione

Terminato all’istituto Artom il progetto “Nonni connessi”

In totale 44 i partecipanti, tra i 65 e gli 84 anni, alle lezioni di informatica con gli studenti tutor

E’ terminato nei giorni scorsi il corso “Nonni connessi”, promosso dall’associazione Anteas Cisl in collaborazione con l’istituto tecnico Artom, nei cui laboratori si sono svolte le lezioni.
L’obiettivo era insegnare agli anziani l’utilizzo di strumenti informatici e app che permettono di rimanere connessi. Era differenziato nelle lezioni per principianti (dedicate a coloro che non avevano conoscenze di informatica) e in quelle avanzate, per chi voleva approfondire le proprie conoscenze e competenze. In totale i partecipanti sono stati 44, di età compresa tra i 65 e gli 84 anni.

Il commento di Giuseppe Nosenzo

«Ringraziamo – commenta Giuseppe Nosenzo, presidente provinciale Anteas – i docenti e gli alunni che si sono messi a disposizione, volontariamente e gratuitamente, per aiutare gli anziani ad utilizzare gli strumenti informatici, ormai fondamentali per mantenere le relazioni sociali, soprattutto in casi di emergenza come la pandemia.
La nostra associazione necessita di aiuti concreti, come in questo caso, per aiutare chi nella società è fragile e solo, in modo da evitare isolamento, solitudine e depressione. Tutto questo si può superare solo creando e coltivando le relazioni fra le persone.
Donare il proprio tempo agli altri, senza secondi fini, è il gesto più nobile che una persona possa fare».
Nosenzo ha infine messo in evidenza un punto di forza del progetto: il rapporto intergenerazionale tra giovani e anziani, dato che gli studenti facevano da tutor ai partecipanti durante le lezioni.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo