tigliofoto
Attualità
Storia del paese

Tigliole: mille vecchie foto per fare un salto indietro nel tempo

Un centinaio i partecipanti alla presentazione di un progetto di recupero della memoria
La storia di Tigliole passa anche attraverso le fotografie, raccolte presso le famiglie del paese, digitalizzate e proiettate nel giorno della Befana al Centro d’Incontro comunale. Il progetto è nato nell’estate scorsa, a seguito della pubblicazione del libro “Era tutta vigna”, di Mirella Torta e Pino Goria, che hanno coinvolto nella ricerca Marco Sforzi, tigliolese e archivista di professione, e la moglie Laura Beri.

«Abbiamo iniziato in frazione San Carlo – racconta Marco Sforzi – e la risposta della gente è stata incredibile, consentendoci di raccogliere un migliaio di fotografie, che abbiamo digitalizzato e catalogato.» Siamo però alla prima fase del progetto, perché l’obiettivo è ancora più ambizioso: «Vogliamo estendere la raccolta di fotografie a tutto il paese ed alle frazioni – spiega Mirella Torta – in modo da creare una piattaforma digitale in cui poter inserire da ogni luogo nuove immagini, che potranno essere viste, stampate e scaricate, perché saranno inserite secondo criteri che facilitino ricerca e consultazione. Ognuna avrà una didascalia che la completerà, inserendola in un preciso contesto; c’è poi un altro obiettivo ancor più ambizioso, che è quello di registrare le voci, per conservare le narrazioni in modo vivo ed efficace.»

Per la prima proiezione pubblica si sono prenotate un centinaio di persone, divise in due gruppi, che hanno seguito con emozione e partecipazione lo scorrere delle immagini che sul grande schermo a parete si succedevano l’una dopo l’altra, commentate dalle parole tratte dalle pagine di Clotilde Santanera, che fu insegnante, scrittrice e pittrice molto legata Tigliole: a leggere i testi Mirella Torta, Enrica Nicolosi, Letizia Milone e Laura Beri. Atmosfere e vite familiari vissute fra gli Anni Trenta e gli Anni Cinquanta sono tornate alla memoria, rievocando i momenti della nascita, dei matrimoni, delle feste in cui si esibiva la banda del paese, oppure quando una ”fisa” ed un clarinetto bastavano a far ballare sull’aia coppie di ogni età.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo