debenedetti
Attualità
Ritratto

Tommaso Debenedetti ci racconta la sfida “Cazoo”, il brand che vuole rivoluzionare il mercato dell’auto

Classe 1983, ha da poco ricevuto l’incarico prestigioso di Amministratore Delegato per l’Italia del colosso anglosassone

Trentotto anni ed una vita che procede costantemente a cento all’ora, con all’orizzonte sfide sempre nuove, stimolanti e probanti contemporaneamente, ma utili a spezzare la routine delle certezze e a cercare di completarsi, professionalmente e umanamente.

“Come puoi raggiungere la saggezza, senza affrontare le tue paure? Alla fine, la grande sfida della vita consiste nel superare i nostri limiti, spingendoci verso luoghi in cui mai avremmo immaginato di poter arrivare”.

Di luoghi, affascinanti e complessi al tempo stesso, Tommaso Debenedetti ne ha affrontati parecchi. Baby calciatore di talento, uomo in carriera, globetrotter costante pur non rinunciando assolutamente alle proprie origini astigiane, dove tuttora risiede. Tappe di crescita perenne, un comun denominatore a cadenzare alla perfezione i tempi frenetici di un manager: la famiglia. Riparo sicuro dopo ogni settimana di nuove “sfide”. Già, le sfide, stimolo imprescindibile per un’anima frenetica come il professionista astigiano. Classe 1983, ha da poco ricevuto l’incarico prestigioso di Amministratore Delegato per l’Italia di “Cazoo”, brand che si promette di rivoluzionare e sconvolgere il mercato dell’automobile. Un traguardo meritato, dopo un “percorso a tappe” degno di un campionissimo del ciclismo: laurea alla Bocconi, percorso di Master in Atenei prestigiosi come Berkeley negli USA, o l’IIMA in India (fra le migliori Università in Asia). I primi passi da manager alla McKinsey, che gli ha dato la possibilità di completare gli studi con un Master in Business Administration ad INSEAD, in Francia e a Singapore. Una vita da “giramondo”, poi, a soli 32 anni, un ruolo di prestigio ad Amazon, con il ruolo di responsabile del “Pricing” per l’Europa, e, successivamente, di General Manager, con responsabilità in diversi stati europei, per poi raggiungere l’apice come Direttore per Amazon Italia e Spagna. Il presente è nell’affascinante settore delle automobili, per quella che è probabilmente la più grande sfida della sua carriera. Obiettivo: rivoluzionare il modello di acquisto delle auto, con il brand anglosassone “Cazoo”.

Tommaso, congratulazioni per il tuo ruolo di prestigio. Come possiamo raccontare il colosso inglese delle auto “Cazoo”?

Dopo gli anni intensi e ricchi di soddisfazione con Amazon ho ricevuto la proposta di assumere il ruolo di Country Manager Italia del gruppo inglese fondato nel 2018 in Inghilterra. L’obiettivo è quello di rivoluzionare il metodo di acquisto e vendita delle automobili online, attraverso un’esperienza cliente molto simile a quella di Amazon. Il Gruppo “Cazoo” conta già quasi 4.000 dipendenti ed ha già venduto oltre cinquantamila auto online. I suoi punti di forza sono i prezzi estremamente competitivi, l’ampia gamma di modelli di cui dispone, con tutti i marchi più conosciuti, ed un’esperianza di acquisto trasparente e rapida. E’ possibile acquistare auto nuove e usate o affittarle, le vetture inoltre vengono consegnate in pochi giorni a casa di chi acquista. A disposizione degli utenti poi c’è un customer service costantemente attivo per risolvere ogni tipo di problematica.

Il vostro brand si sta affermando con grande forza anche in Italia…

Esatto. Abbiamo recentemente acquisito “BrumBrum”, il sito di vendita online più importante a livello tricolore; in Italia abbiamo già circa 200 dipendenti, ma il lancio ufficiale della piattaforma è previsto nei prossimi mesi.

Come nasce la decisione di affrontare questa nuova avventura lavorativa dopo una carriera ad alto livello con il colosso Amazon?

Questa decisione rappresenta per me una sfida enorme, stimolante e che mi riempie di energia. Abbiamo di fronte a noi un mercato molto grande da aggredire. Amazon rappresentava un business decisamente corposo, guidato da un team di persone estremamente capaci.

Intervista completa nell’edizione di martedì 1 marzo del nostro giornale, disponibile anche in digitale

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo