La Nuova Provincia > Attualità > Torna la colletta alimentare per aiutare le persone indigenti
Attualità Asti -

Torna la colletta alimentare per aiutare le persone indigenti

Sabato 30 novembre, in oltre 100 supermercati dell'Astigiano, si potranno acquistare prodotti a lunga conservazione che saranno consegnati a 33 strutture caritative

La colletta alimentare

Una giornata dedicata alla spesa solidale, dove si verrà invitati a pensare, tra le corsie dei supermercati, alle persone meno fortunate. E’ la Giornata nazionale della colletta alimentare in programma sabato 30 novembre, promossa dalla Fondazione Banco Alimentare, che vedrà anche Asti tra le province protagoniste.
A presentarla, ieri mattina in Municipio, il responsabile della sede astigiana del Banco Alimentare, Giuseppe Ferrero, alla presenza del sindaco Maurizio Rasero, dell’assessore comunale alle Politiche sociali Mariangela Cotto e del direttore provinciale di Coldiretti Diego Furia, dato che l’associazione di categoria agricola collabora con il Banco Alimentare da 23 anni.

L’iniziativa

Ad Asti saranno oltre 100 i supermercati coinvolti, dove scenderanno in campo circa 600 volontari e 30 trasportatori. I prodotti raccolti saranno distribuiti a 33 strutture caritative convenzionate con il Banco Alimentare che accolgono 6.960 persone indigenti.
Gli alimenti consigliati sono quelli di cui necessitano maggiormente le strutture caritative, ovvero alimenti per l’infanzia, tonno in scatola, riso, olio, legumi, sughi e pelati, biscotti. Anche quest’anno, poi, sarà possibile contribuire alla colletta facendo la spesa online sulle piattaforme di alcune insegne della grande distribuzione.
“In Italia – ha affermato Ferrero – ci sono 5 milioni di poveri e 18 milioni sono a rischio. Questa è una grande opera di solidarietà; alla colletta non ci si abitua mai”.
Da ricordare che sarà possibile sostenere l’iniziativa anche con un sms al numero 45582 attivo fino al 10 dicembre (il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun sms inviato da cellulari Wind Tre, DM, Vodafone, PosteMobile, lliad, Coop Voce, Tiscali; sarà di 5 euro per le chiamate da rete fissa TVVT, Convergenze, PosteMobile; di 5 o 10 euro da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali).
La colletta, a livello nazionale, è resa possibile grazie alla collaborazione dell’Esercito Italiano e alla partecipazione di decine di migliaia di volontari aderenti alla Coldiretti, all’Associazione Nazionale Alpini, alla Società San Vincenzo de Paoli, alla Compagnia delle Opere Sociali e a centinaia di associazioni caritative.

Il Banco Alimentare

Le donazioni di alimenti ricevute il 30 novembre andranno a integrare quanto il Banco Alimentare recupera quotidianamente combattendo le spreco di cibo. Nel 2018, grazie alle 21 sedi regionali di cui si compone la Rete, sono state distribuite oltre 90.000 tonnellate di cibo in Italia. Ad Asti, nello specifico, ne sono state consegnate 376 tonnellate, di cui 180 provenienti dall’Unione Europea, 110 dalla grande distribuzione organizzata e 86 dall’annuale raccolta della colletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente