Prastaro Marco
Attualità
Diocesi di Asti

Un convegno sull’adeguamento liturgico della Cattedrale

Prevista una tavola rotonda alla quale parteciperanno il vescovo Marco Prastaro, la professoressa Maria Rosa Poggio, don Luca Franceschini, don Alberto Giardina e l’architetto Marialaura Rosselli

Un importante convegno che si inserisce nell’iter del concorso per l’adeguamento liturgico della Cattedrale di Asti. Venerdì 16 settembre si terrà una giornata di formazione con i gruppi selezionati nella prima fase dei lavori della giuria. La giornata si dividerà in due momenti. La prima parte dalle, 10 alle 14, si svolgerà nel Seminario Vescovile di Asti (piazzetta del Seminario 1).

Dopo i saluti di rito si terrà una tavola rotonda con il vescovo Marco Prastaro (foto) che parlerà di ecclesiologia diocesana, la professoressa Maria Rosa Poggio, (Vita religiosa della comunità astigiana), don Luca Franceschini (Bando a livello nazionale e vincoli progettuali), don Alberto Giardina (Lo spazio liturgico: linee di indirizzo) e con l’architetto Marialaura Rosselli che si occuperà degli aspetti procedurali della seconda fase concorsuale.

Seguirà un intervento a cura dell’Ufficio liturgico diocesano che, con il supporto di un video didascalico, evidenzierà gli aspetti delle celebrazioni in Cattedrale. Nella seconda parte della giornata, dalle 15 alle 18, è prevista una visita guidata alla Cattedrale di Santa Maria Assunta; successivamente i gruppo di lavoro avranno la possibilità di compiere eventuali misurazioni e rilievi fotografici.

Alle 17, il vescovo Prastaro celebrerà, sempre in Cattedrale, la Messa per sottolineare come, oltre al progetto di adeguamento dello spazio liturgico, è “compito della comunità diocesana renderlo vivo con le sue celebrazioni”, quindi non un evento formale, ma la volontà di pregare e celebrare in uno spazio che è vivo ed è da rendere vivo proprio mediante la partecipazione ampia del popolo di Dio. La chiusura dei lavori è prevista per le 18.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo