Un giornale Online nel futuro del Cepros
Attualità

Un giornale Online nel futuro del Cepros

Il Cepros (Centro di promozione opportunità di socializzazione) ha cambiato sede ma è più attivo che mai: dai vecchi locali di via Massimo D'Azeglio 42 si è infatti spostato, con l'intera

Il Cepros (Centro di promozione opportunità di socializzazione) ha cambiato sede ma è più attivo che mai: dai vecchi locali di via Massimo D'Azeglio 42 si è infatti spostato, con l'intera sua biblioteca, negli spazi dell'Università di Asti, anche se ad oggi i volumi non sono ancora stati sistemati in uno spazio idoneo. Inoltre, ha modificato la ragione giuridica ed oggi si chiama "Cepros Asti onlus" (per poter presentare bilanci ed aderire a progetti finanziati), restando però sempre dedicato alla memoria di Ettore e Teresa De Benedetti.

Per adeguarsi ai tempi e raggiungere un maggior numero di lettori, i responsabili del Cepros hanno pensato di realizzare un giornale on line, che affronterà tematiche culturali e sociali: «La nuova rivista si chiamerà "Identità" ?- spiega la dott.ssa Maria De Benedetti, che insieme al fratello, prof. Paolo, è stata da sempre l'anima dell'associazione -? e non intende sovrapporsi ad altre riviste già esistenti, proponendosi invece di trattare con molta attenzione argomenti di carattere sociale, magari suggerendo spunti per iniziative culturali. La rivista è in preparazione ed inizialmente sarà a consultazione gratuita: più avanti, potrà anche essere offerta la possibilità di stampare i numeri della rivista».

«Quanto al patrimonio librario del Cepros, specie per i testi di psicologia, pedagogia e sociologia, si sta valutando la possibilità di fonderlo con quello già in dotazione all'università di Asti, dove è già stato trasportato. Attendiamo di avere spazi adatti per trasferire i volumi sugli studi storici, ebraistici e localistici: complessivamente, si tratta di un patrimonio librario di circa 4000 testi. La biblioteca che avevamo a Milano è stata invece donata alla Comunità di Bose. In questa fase di trasformazione il Cepros ha avuto grande collaborazione dal prof. Enrico Ercole e dal Centro Servizi per il volontariato, che ci ha aiutati soprattutto nella trasformazione in onlus».

Un consiglio direttivo di fresca nomina curerà le iniziative del nuovo giornale e delle attività culturali: Paolo De Benedetti sarà presidente onorario, Maria De Benedetti presidente, Mauro Scordino il direttore, Giorgio Saglietti il tesoriere ed Anna Perrone la segretaria. Quanto alle dodici bibliotecarie che hanno sempre dato il loro contributo al Cepros, riprenderanno appena possibile la loro attività. «La nostra preoccupazione essenziale – aggiunge Maria De Benedetti -? è quella di essere utili, in questo momento così difficile, soprattutto negli ambiti più problematici, come può essere, ad esempio, il disagio giovanile. Infine, continuerà la collaborazione con le associazioni che erano ospitate nella vecchia sede di via D'Azeglio e che oggi hanno trovato altre collocazioni».

Renato Romagnoli

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo