Un prototipo rende accessibileai disabili il gioco delle bocce
Attualità

Un prototipo rende accessibile
ai disabili il gioco delle bocce

Martedì pomeriggio, presso il centro di formazione "Fondazione Casa di Carità arti e mestieri Onlus" di via Testa, ha avuto luogo la presentazione del "Progetto Carlotta", un

Martedì pomeriggio, presso il centro di formazione "Fondazione Casa di Carità arti e mestieri Onlus" di via Testa, ha avuto luogo la presentazione del "Progetto Carlotta", un prototipo innovativo per il gioco della boccia, che, molto simile a quello delle bocce, è riservato agli atleti disabili. Nata in Spagna e molto diffusa anche in Francia, questa disciplina paralimpica si pratica in Italia soltanto da un anno e mezzo. Il campo di gioco è lungo otto metri ed è largo sei. Con due bocce in pelle colorate di blu e rosso, che non devono saltare, fa punto chi si avvicina di più al pallino.

Gli atleti non hanno l'ausilio né delle mani né dei piedi, ma possono usare solo la testa. E i tecnici impegnati nelle gare devono esclusivamente prendere gli ordini da loro. Il progetto è nato dalla collaborazione tra la Fondazione Casa di Carità arti e mestieri Onlus e il Gruppo Sportivo "Pegaso" di Asti. Riguarda la torinese Carlotta Visconti, 19 anni, tetraplegica e appartenente alla squadra azzurra. Il padre Davide è un tecnico nazionale del gioco della boccia. Nell'occasione è stata presentata la rampa di posizionamento della boccia, alla cui realizzazione ci hanno pensato 35-36 ragazzi che frequentano il secondo anno della scuola di operatore meccanico e di quella per operatore elettrico.

Alcuni di questi ragazzi sono calciatori che militano attualmente nelle formazioni "Juniores" dell'Asti e del Colline Alfieri Don Bosco. Ha aperto la conferenza stampa Silvia Cravero, direttrice della scuola. Sono intervenuti Giuseppe Gerbo, presidente del GSH Pegaso, e Paolo Icardi, massimo esponente regionale della FISPES (Federazione Italiana Sport Sperimentali Paralimpici). Il progetto è stato illustrato da Piero Veglio, insegnante di meccanica, Andrea Merlone, insegnante per quanto riguarda la parte elettrica, e da Domenico Buzzanca, specializzato nel controllore numerico.

Erano inoltre presenti le insegnanti Valeria Sollazzo e Simona Catalano. Un'iniziativa, questa, molto importante, soprattutto in occasione della settimana mondiale della disabilità che si terrà nei primi giorni di dicembre. E la dice lunga circa il termine "diversamente abili", visto che la mente umana va ben oltre i limiti già conosciuti.

Gianni Truffa

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo