Uno stile di vita sanocontro la demenza senile
Attualità

Uno stile di vita sano
contro la demenza senile

«Uno stile di vita sano dal punto di vista nutrizionale, fisico, intellettivo e relazionale sono determinanti nella prevenzione di numerose patologie, più frequenti con l’avanzare dell’età,

«Uno stile di vita sano dal punto di vista nutrizionale, fisico, intellettivo e relazionale sono determinanti nella prevenzione di numerose patologie, più frequenti con l’avanzare dell’età, compresa la demenza senile o Alzheimer e, anche qualora la patologia sia già stata diagnosticata, consentano al paziente di godere di una qualità della vita superiore e in un rallentamento nella progressione della malattia» spiega il dottor Marcello Francesconi, coordinatore dell’unità valutativa Alzheimer dell’Asl di Asti. Ad avvalorare questa tesi, numerosi studi di ricerca che evidenziano come l’attività fisica e intellettiva siano fondamentali fattori protettivi dalla demenza. In particolare, il rischio di ammalarsi diminuisce in quei soggetti che hanno studiato di più in età giovanile, hanno svolto costante attività fisica e un lavoro complesso in età adulta, hanno mantenuto un’estesa rete sociale e svolgono attività fisica, mentale e sociale dopo i 65 anni.

Da non sottovalutare inoltre, l’importanza di monitorare patologie quali ipertensioni, cardiopatite, diabete e obesità, di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno e di scegliere una dieta varia e ricca di frutta e verdura. «Allo stesso tempo – ha concluso Malandrone – non dimentichiamoci di far sentire la persona affetta da Alzheimer, per quanto possibile, utile e attiva. Ben vengano dunque i laboratori di giardinaggio e di cura di un piccolo orto dove gesti semplici ripetuti più volte nell’arco della vita hanno la capacità di regalare al paziente soddisfazione per quanto è riuscito a fare».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo