La Nuova Provincia > Attualità > Vacanze di Natale astigiane per don Italo Francalanci
AttualitàAsti -

Vacanze di Natale astigiane per don Italo Francalanci

Il sacerdote, missionario in Brasile dal 2013, ha incontrato parenti e amici, in particolare i parrocchiani di N. S. di Lourdes

Giornate astigiane per don Italo Francalanci

Sono stati giorni intensi e ricchi di incontri con amici e parenti quelli che hanno caratterizzato le vacanze natalizie di don Italo Francalanci.
Il sacerdote, parroco di Nostra Signora di Lourdes dal 2001 al 2013 (dove era stato anche vice parroco negli anni Ottanta), lo scorso 22 dicembre è tornato per due settimane dal Brasile, dove dall’estate del 2013 è sacerdote missionario. Nel paese sud americano, infatti, la nostra diocesi è gemellata con quella di Juina, dove il vescovo invia continuativamente un sacerdote missionario con incarichi della durata decennale. Nello specifico, don Francalanci è rettore del seminario di Cuiabà, in cui insegna anche Filosofia e Teologia. E dove, accanto all’impegno a livello spirituale e didattico, si distingue per le opere di carità nei confronti della popolazione povera del luogo.

Messe e incontri

Durante i giorni trascorsi ad Asti, dove torna ogni tre anni circa, don Francalanci ha incontrato il nuovo vescovo Marco Prastaro e il suo predecessore, Francesco Ravinale, e ha concelebrato alcune messe nella parrocchie di N. S. di Lourdes, tra cui quelle della notte di Natale e del primo giorno dell’anno, di Casabianca, Montegrosso/Cinaglio e Refrancore. E ancora, ha presieduto la celebrazione di sabato scorso nella chiesa del Palucco, invitato dal parroco don Rodrigo Limeira, responsabile della Pastorale giovanile della Diocesi e suo collaboratore a N. S. di Lourdes.
«E’ stata una bellissima funzione – commenta don Limeira – cui hanno partecipato i familiari di don Italo e tanti amici da tutta la diocesi. La funzione è stata animata dai giovani che nell’estate del 2017 hanno partecipato al viaggio in Brasile organizzato dalla Pastorale giovanile che prevedeva anche una tappa a Cuiabà per incontrare don Italo».
Don Francalanci è partito ieri (lunedì) alla volta di Roma, dove si fermerà fino al 27 gennaio per perfezionare gli studi, per poi tornare ad Asti alcuni giorni e ripartire alla volta del Brasile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente