Vaglierano, sospetto caso di leptospirosi
Attualità

Vaglierano, sospetto caso di leptospirosi

Un nuovo allarme vede tristemente protagonisti i migliori amici dell'uomo. E' stato segnalato, infatti, dal dottor Franco Gherlone, veterinario ufficiale dell'Asl At, un caso sospetto di

Un nuovo allarme vede tristemente protagonisti i migliori amici dell'uomo. E' stato segnalato, infatti, dal dottor Franco Gherlone, veterinario ufficiale dell'Asl At, un caso sospetto di leptospirosi su di un cane di proprietà, nella frazione di Vaglierano. A seguito della segnalazione e poiché "risulta che l'animale vivesse con altri cani," il sindaco Fabrizio Brignolo ha emesso giovedì un'ordinanza. L'ordinanza intima al proprietario di eseguire scrupolosamente le istruzioni, per la profilassi della leptospirosi, tra cui "la chiusura del canile e del ricovero degli animali; la custodia e l'isolamento dei cani superstiti; la lotta ai topi, mediante derattizzazione settimanale."

Proprio i topi sono i portatori sani dell'infezione, attraverso l'eliminazione del batterio della leptospira nelle urine. «L'infezione -? spiega Gianbattista Filippone, veterinario di Asti -? che i cani contraggono, ad esempio, bevendo nelle pozzanghere o leccando per terra, dove i ratti hanno urinato, si può trasmettere all'uomo, anche solo per contatto. Questo batterio, infatti, è uno dei pochi in grado di oltrepassare la strato di cute, anche in assenza di ferite. Nella maggior parte dei casi, la leptospira provoca insufficienza renale e distruzione dei reni. I sintomi principali, simili per animali e uomini, sono ittero, febbre, urine molto gialle, quasi color arancio, stanchezza e inappetenza. Per i cani – aggiunge – esiste il vaccino, ma non per l'uomo, che, in caso di sospetto contagio, deve rivolgersi subito al medico. Per quanto riguarda la terapia umana, bisogna somministrare della penicillina G, che è in grado di salvare la persona, se si interviene in un momento precoce dell'infezione. Altrimenti, si arriva alla necessità di un trapianto di rene e anche alla morte.»

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail