La Nuova Provincia > Attualità > Vermouth e grappa protagonisti a Palazzo Ottolenghi tra brindisi e serate d’assaggio
AttualitàAsti -

Vermouth e grappa protagonisti a Palazzo Ottolenghi tra brindisi e serate d’assaggio

Nello stand rinnovato la rassegna curata dall'Unione industriale e le degustazioni promosse dall'Anag nell'ambito della Douja d'Or

Rassegna dei Vermouth

E’ giunta alla quinta edizione la rassegna dei Vermouth e dei vini aromatizzati che animerà la Douja d’Or a Palazzo Ottolenghi (corso Alfieri 350) fino a domenica 15 settembre.
Curata dall’Unione industriale di Asti in collaborazione con l’Istituto del Vermouth di Torino, presenta quest’anno un nuovo allestimento. Progettato dallo studio “Pascolati”, è stato realizzato con nuovi arredi ed illuminazioni nel cortile del Palazzo, abbellito da locandine e manifesti pubblicitari degli anni Trenta relativi ai Vermouth più conosciuti.
Anche quest’anno le più importanti case vinicole, insieme ai piccoli produttori, si sono rese disponibili ad offrire uno spaccato della loro produzione storica. Una produzione che nella sua versione più pregiata è riuscita ad ottenere una Igp (Indicazione geografica protetta) con il Vermouth di Torino.
Presenti nella rassegna di quest’anno le aziende F.lli Gancia, Cocchi, Bosca, Tosti, Antica Distilleria Quaglia, Antica Cantina di Calosso, Sperone, Chazelettes, Bordiga, Cinzano, Mulassano, Seirole, Martini&Rossi, Carpano, Drapò, Distilleria Marolo, Carpano. Allo stand si possono degustare il Vermouth liscio oppure miscelato nei cocktail. In particolare stasera (martedì) si troverà anche il Negroni nelle sue diverse varianti, in omaggio ai suoi primi 100 anni. In abbinamento vengono proposti prosciutto crudo, salame cotto e mini lingue di pane.
A servirli i barmen ex allievi dell’ agenzia di formazione professionale “Colline Astigiane” (scuola alberghiera) di Agliano, coordinati da Antonio Marteddu, pluripremiato barman astigiano.
«Abbiamo creato questo ambiente accogliente e confortevole – commenta Andrea Amalberto, presidente dell’Unione industriale – in cui gustare il prodotto, accompagnati da musiche jazz e Charlestone tipiche degli anni Trenta. L’obiettivo è diffondere la conoscenza di un prodotto di assoluta eccellenza, il Vermouth, che troppo spesso è bevuto solo miscelato nei cocktail, a volte senza che il consumatore ne sia consapevole. Siccome negli ultimi anni sta tornando il gusto di berlo liscio, come amaro e digestivo, i miei predecessori, insieme al Gruppo Vini dell’associazione, hanno deciso di dedicarvi attenzione nell’ambito della Douja».
Il Vermouth sarà poi protagonista di numerosi aneddoti e informazioni storiche che verranno raccontati in occasione della serata d’assaggio di stasera (martedì) a cura del Gruppo vini dell’Unione industriale. Alle 21 presso la sala degli specchi, sempre a Palazzo Ottolenghi, si parlerà de “Il Vermouth e i suoi cocktails. Dal Negroni all’Americano: aneddoti e racconti sul più celebre aperitivo”. Relatore sarà Fulvio Piccinino, autore del libro “Il vermouth di Torino”. Le prenotazioni si raccolgono fino ad esaurimento dei posti via posta elettronica all’indirizzo paniate@ui.asti.it.

Degustazioni di grappa con l’Anag

Nello stesso stand dei Vermouth è presente, fino a domenica 15 settembre, anche l’associazione Anag (Assaggiatori Grappa e acquaviti), per far conoscere e valorizzare il distillato 100% italiano. Presso il banco di assaggio, organizzato in collaborazione con il Consorzio Tutela Grappa del Piemonte e Grappa di Barolo, è possibile degustare tutte le grappe e le acquaviti che hanno vinto medaglie Best Gold, Gold e Silver al 36esimo Premio Alambicco d’Oro, promosso dall’Anag. E ancora, le grappe messe a disposizione dal Consorzio Tutela Grappa del Piemonte e Grappa di Barolo. Nello stesso spazio sono presenti anche i barman di ABI Professional, pronti a preparare cocktail a base di grappa.
Inoltre, da oggi (martedì) a venerdì 13 settembre, Anag organizza presso il proprio stand un banco assaggio con le associazioni del Gia (Gruppo italiano assaggiatori) che propone abbinamenti fra grappa e salumi (oggi, martedì, e venerdì 13 settembre dalle 17 alle 22 con l’Onas, Organizzazione nazionale assaggiatori salumi); grappa e aceto balsamico tradizionale di Modena (domani, mercoledì, dalle 17 alle 19 con gli esperti degustatori aceto balsamico tradizionale Modena); grappa e formaggi (giovedì 12 settembre dalle 17 alle 22 con l’Onaf, Organizzazione nazionale assaggiatori di formaggi e il Consorzio Robiola di Roccaverano).
L’abbinamento fra grappa e aceto di Modena sarà protagonista anche della degustazione guidata in programma domani (mercoledì) nel salone di Palazzo Ottolenghi con inizio alle 21, accompagnata da piatti e sapori tipici del territorio. L’iniziativa è organizzata da Anag e Consorzio dell’aceto balsamico tradizionale di Modena. Per partecipare è richiesta la prenotazione all’indirizzo mail: anagpiemontepresidente@gmail.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente