La Nuova Provincia > Attualità > Via libera dalla Regione all’ampliamento dell’ospedale della Valle Belbo
Attualità Asti Nizza Monferrato -

Via libera dalla Regione all’ampliamento dell’ospedale della Valle Belbo

Lo annuncia l'assessore regionale alla Sanità del Piemonte, dopo l'incontro di questa mattina con il commissario dell'Azienda sanitaria locale di Asti. L'operazione, che richiederà l'approvazione del Consiglio regionale

Via libera dalla Regione all’ospedale della Valle Belbo

Via libera all’ampliamento del presidio ospedaliero della Valle Belbo  con l’aggiunta di un piano dedicato a un’ottantina di posti letto di area medica, in modo da costituire un punto di riferimento ospedaliero per i cittadini del territorio di Nizza Monferrato. Lo annuncia l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, dopo l’incontro di questa mattina con il commissario dell’Azienda sanitaria locale di Asti. L’operazione, che richiederà l’approvazione del Consiglio regionale per la rimodulazione della rete ospedaliera, consentirà di inquadrare i due ospedali della Valle Belbo e di Asti nell’ottica di un ospedale unico plurisede, con le due strutture integrate e in stretta sinergia operativa.

Punto di primo intervento

In particolare, nel presidio della Valle Belbo verrà garantita la risposta all’emergenza urgenza attraverso un punto di primo intervento, un’ambulanza medicalizzata 118 e un Elisuperficie. Saranno inoltre presenti un servizio di radiologia avanzata, comprensiva di Tac, radiologia tradizionale ed ecografia, un centro dialisi, 80 posti letto di area medica, 40 di continuità assistenziale a valenza sanitaria (Cavs), 10 posti letto di hospice e 10 posti letto di ospedale di comunità, oltre a una serie di servizi legati a poliambulatori specialistici e recupero e rieducazione funzionale.

La copertura finanziaria di 43 milioni di euro, prevista per il progetto originario, verrà incrementata di ulteriori 14 milioni con fondi stanziati dalla Sanità regionale.

Soddisfazione è stata espressa dall’assessore, che ha ringraziato il commissario dell’Asl per la collaborazione nel trovare la migliore soluzione per l’offerta ospedaliera del territorio.

Articolo precedente
Articolo precedente