«Ragazzi, seguite il cuoree investite nei vostri sogni»
Cronaca

«Ragazzi, seguite il cuore
e investite nei vostri sogni»

Il Nobel per la Fisica 2013, assegnato ai due fisici teorici Peter Higgs e François Englert parla anche molto astigiano con i contributi di Fabiola Gianotti e Nadia Pastrone. Quest'ultima ci ha

Il Nobel per la Fisica 2013, assegnato ai due fisici teorici Peter Higgs e François Englert parla anche molto astigiano con i contributi di Fabiola Gianotti e Nadia Pastrone. Quest'ultima ci ha raccontato un po' del suo lavoro in questo anno straordinario per il loro gruppo di ricerca.

Bello sapere che si è stato parte di questo grandioso lavoro vero?
La particella prevista in questi lavori teorici è stata oggetto della ricerca dei fisici sperimentali per quasi 50 anni. Dopo la scoperta annunciata al CERN nel 2012, è seguita la misura accurata delle sue caratteristiche, che hanno portato al premio Nobel di quest'anno. Gli esperimenti ATLAS e CMS, al momento della scoperta a guida italiana, hanno giocato un ruolo decisivo.

Dopo i riconoscimenti cosa è cambiato per la ricerca italiana?
C'è stato grande entusiasmo e la consapevolezza che si deve lavorare per far meglio in futuro, quando l'acceleratore del CERN riprenderà l'attività nel 2015. In Italia la difficoltà è quella di trovare un posto di lavoro per i nostri giovani eccellenti che hanno dato un contributo essenziale a questa scoperta.

La situazione astigiana è piuttosto cupa. Ci sono possibilità che le cose cambino? Saranno le start up a salvare il Paese come dice qualcuno o la strada è tutta al buio?
Sono ottimista di natura e non posso credere che non si riesca a valorizzare al meglio le nostre risorse. Abbiamo un patrimonio culturale, artistico e paesaggistico unico al mondo. Tradizioni preziose, che è un delitto lasciar morire per incuria e disinteresse.

Un consiglio ai ragazzi di vent'anni?
Seguire quello in cui credono. Cosa li affascina e su cui sono disposti ad investire tutte le loro energie, la loro intelligenza e il loro coraggio. Il miglior consiglio sta nel loro cuore.

Ci racconta un progetto a cui state lavorando?
Al CERN stiamo disegnando gli apparati sperimentali che entreranno in funzione nel 2025, con un'attenzione particolare alle ricadute sull'industria italiana. Alcuni di noi continuano a pensare a progetti di ricerca per continuare a cercare di capire la Natura e l'Universo, mentre altri applicano le stesse tecniche nei centri di adroterapia o nella diagnostica del patrimonio artistico nazionale.

Una frase per descrivere la sua collega Fabiola Gianotti. Lo avrebbe pensato anni fa che ci sarebbero state due astigiane in un progetto tanto importante?
Fabiola Gianotti ha sicuramente meritato il successo per il suo impegno e il duro lavoro di molti anni. Questi esperimenti sono così grandi che mettono insieme persone da tutto il mondo. Questo è il successo più grande: riuscire a lavorare tutti insieme per lo stesso obbiettivo.

Chiudiamo con un augurio.
Uso una frase non mia, scritta nel '45 da Vannevar Bush al presidente americano Roosevelt: «Il progresso scientifico è una condizione ineliminabile della sicurezza nazionale, della salute dei cittadini e del progresso culturale; è fondamentale per la crescita lavorativa e per ottenere un più alto tenore di vita».

Lodovico Pavese

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale