La Nuova Provincia > Cronaca > Al controllo dei carabinieri si scambiano il posto di guida perché l’autista non ha la patente
CronacaNizza Monferrato -

Al controllo dei carabinieri si scambiano il posto di guida perché l’autista non ha la patente

Denunciata una coppia che viaggiava su un furgone nel centro di Mombaruzzo ieri pomeriggio

Coppia denunciata

Un uomo e una donna sono stati denunciati ieri per aver tentato di fare i furbe ad un controllo dei carabinieri avvenuto a Mombaruzzo.

Tutto è iniziato quando, durante un giro di controllo, una pattuglia della stazione del paese ha notato nella piazza centrale di Mombaruzzo un furgone parcheggiato nello spazio riservato ai disabili.  Mentre si stavano avvicinando per elevare la contravvenzione, sul furgone sono saliti un uomo (che è andato al posto di guida) e una donna sul lato passeggero.

Il passeggero va alla guida

La pattuglia ha allora deciso di seguire il furgone che, nel frattempo, si stava allontanando dal centro del paese e ha fatto di tutto per fermarlo. Il mezzo non si è fermato subito, ma ha preso un po’ di strada, giusto il tempo di scambiarsi il posto di guida fra i due prima che arrivassero i carabinieri. I quali, però, avevano visto salire l’uomo al volante e si sono accorti dell’inversione di guidatori.

L’autista non aveva mai preso la patente

La ragione è stata presto spiegata: l’uomo, un 42enne pregiudicato per furto e lesioni personali, B. G. di origine romena residente ad Alessandria, era privo della patente di guida, mai conseguita, e a suo carico era già registrata una denuncia per lo stesso motivo risalente al 2017.

La donna dava generalità false

Ma anche la donna non era nuova alle denunce: intestataria di patente di guida e del furgone, ha esibito una carta di circolazione sulla quale erano riportate generalità bulgare riprese da una carta di identità contraffatta per la quale era già stata arrestata dai carabinieri di Alessandria due mesi fa. Lei, in realtà, è ucraina, ha 34 anni e le iniziali del suo nome sono D. M. E’ stata nuovamente denunciata per falsità ideologica in atti pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente