Cronaca

“Alfredo” ritrovato dalla polizia municipale

Una pattuglia della polizia municipale, di passaggio in zona, se n’è subito interessata, per evitargli pericoli e per consentirgli di ritornare a casa

Si aggirava un po’ sperso per la strada statale, all’altezza del bivio per Valleandona. Una pattuglia della polizia municipale, di passaggio in zona, se n’è subito interessata, per evitargli pericoli e per consentirgli di ritornare a casa. “Alfredo”, questo il nome del cane protagonista nella mattinata di martedì (nella foto), non si è fatto pregare e, appena gli agenti hanno aperto la portiera, si è subito infilato nell’auto. Al Comando di via Fara il controllo del microchip, che ha consentito di poter avvisare la sua “padrona” del ritrovamento di “Alfredo”. La signora, che si è precipitata a recuperare il cane, sollevata e felice, ha raccontato che si era allontanato la sera prima, forse spaventato per i tuoni del temporale che infuriava, ed aveva passato l’intera notte fuori, senza che si sapesse dov’era finito.

Giovedì mattina, altro soccorso da parte della polizia municipale, questa volta ad una coppia di cani di taglia medio grande, un meticcio ed un pastore tedesco, che stazionavano, un po’ smarriti e un po’ incuriositi, nell’aiuola in cui sono posizionati i cartelli della segnaletica stradale, presso il cavalcavia di corso Savona, alla Boana, agli incroci per San Marzanotto ed Azzano. Erano le 8 e intorno a loro numerosi i veicoli di passaggio, in uscita e ingresso dalla città in un momento di punta del traffico. I due cani sono stati accompagnati al canile per i controllo dei microchip e sarebbe stato individuato il loro proprietario.

Marta Martiner Testa

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale