La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, 42enne sorpresa a rubare in una stanza dell’ospedale
Cronaca Asti -

Asti, 42enne sorpresa a rubare in una stanza dell’ospedale

Aveva rubato un portafoglio dalla borsa di una paziente che stava riposando in una camera del reparto di Chirurgia. Denunciata dalla polizia

Sorpresa a rubare in una camera d’ospedale

Una donna di 42 anni, astigiana, è stata sorpresa a rubare in una stanza dell’ospedale, seguita all’esterno fino a farla individuare da una pattuglia delle Volanti della polizia. I fatti risalgono a qualche giorno fa, quando i poliziotti delle Volanti erano intervenuti in via Petrarca, dopo la segnalazione di due donne che discutevano animatamente. Hanno scoperto così che una delle contendenti era stata sorpresa a frugare nel bagno di una camera del Reparto di Chirurgia dell’ospedale “Cardinal Massaja”, dove era ricoverata un’anziana paziente. La figlia di quest’ultima, accortasi che dall’interno dell’armadietto era sparita la borsa della madre, aveva seguito la donna tra i corridoi dell’ospedale e poi in strada, osservando i suoi movimenti, fino in via Petrarca, dove aveva provveduto a chiamare la polizia.

Denunciata dalla polizia

Durante il “pedinamento” sulle scale dell’ospedale, la signora aveva anche raccolto un rossetto e altri effetti personali della madre. E nel bagno della camera dell’ospedale aveva notato, gettata a terra, vicino al cestino dell’immondizia, la borsa della madre, constatando che all’interno mancava il portafoglio in cui erano custodite la somma di 20 euro e la tessera sanitaria intestata al padre. La donna derubata, ricoverata in ospedale, al momento del furto non si era accorta dell’accaduto, in quanto in quel momento stava riposando. La 42enne astigiana è stata denunciata per furto e ha ricevuto dal Questore di Asti Alessandra Faranda Cordella, nella mattinata di oggi, un Avviso orale, «misura di prevenzione che formalmente la invita a cambiare condotta pena l’applicazione di misure maggiormente afflittive».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente