pensilina
Cronaca

Asti, “alticcio” si schianta contro la pensilina del bus

È accaduto nella serata di ieri, martedì, intorno alla 21,30. Sul posto la polizia municipale

Auto contro la pensilina

È risultato positivo agli accertamenti della polizia municipale per verificare la guida in stato di ebbrezza l’uomo che ieri sera, martedì, intorno alle 21,30, alla guida di una Renault Mégane, si è schiantato contro la pensilina dell’autobus in piazza Vittorio Veneto, all’imbocco di viale Partigiani. La vettura, che viaggiava in direzione di piazza Lugano, secondo quanto emerso dai primi rilievi, ha completamento distrutto la pensilina, tra vetro sfondato e sostegni abbattuti. Non è rimasto ferito il conducente, un astigiano 50enne di origini straniere. Sul posto per i rilievi e gli accertamenti una pattuglia della polizia municipale. Per l’uomo patente ritirata e denuncia per guida in stato di ebbrezza. Nessun altro veicolo o persona è per fortuna rimasta coinvolta nell’incidente (proprio accanto alla pensilina si trova un passaggio pedonale).

In corso Alessandria senza patente

E un rom di 30 anni, alla guida senza patente, è nuovamente incappato in un posto di controllo della polizia municipale nella zona di corso Alessandria. Era già accaduto circa quindici giorni fa: sempre in corso Alessandria, l’uomo, alla guida di un’auto, aveva tentato di sfuggire all’alt degli agenti della polizia municipale, impegnati in quel momento in un posto di controllo alla circolazione stradale. Si era poi fermato ed era stato così scoperto che egli era privo di documenti e privo di patente di guida.

Tamponamento in corso Savona

Feriti lievi i conducenti delle due vetture coinvolte nell’incidente avvenuto nella mattinata di ieri, martedì, intorno alle 8, in corso Savona. Un tamponamento sulla corsia in uscita dalla città, con una Toyota Yaris guidata da un 20enne finita contro una Lancia Ypsilon alla cui guida si trovava una signora di 51 anni. Sul posto la polizia municipale per i rilievi e l’ambulanza del 118.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo