Cerca
Close this search box.
Immagine
Cronaca
Carabinieri e Polizia di Stato

Asti, arrestato il rapinatore delle prostitute

Indagine lampo congiunta ha portato al fermo di un cuoco di 42 anni che minacciava con un’arma le donne e le derubava. In due casi le ha anche violentate

Un’indagine lampo di carabinieri e polizia ha portato all’identificazione e all’arresto di un rapinatore seriale.

Tutto è nato da tre distinte denunce da parte di prostitute che esercitano nelle loro abitazioni ad Asti. Hanno denunciato, nel giro di pochissimi giorni l’una dall’altra, lo stesso modus operandi per le rapine che avevano subito.

Un cliente che si presenava in casa e, minacciandole con un’arma, chiedeva tutto il denaro in contanti che avevano in casa e, in due casi su tre, ha preteso anche un rapporto sessuale contro la volontà delle donne. Poi la fuga.

Modalità e descizione del rapinatore erano totalmente concordanti in tutti e tre i casi e così gli investigatori di Squadra Mobile e Norm, in indagine congiunte, hanno ristretto i sospetti su un cuoco,  Christian Malagrinò, 42 anni, nato a Torino ma da tempo residente ad Asti.

E’ stato disposto il fermo ma la parte difficile è stato rintracciarlo. Per questo, grazie alle ricerche congiunte, sono riusciti ad intercettarlo in transito con la sua auto ed è stato bloccato.

Subito dopo è avvenuta la perquisizione nel corso della quale sono stati trovati oltre 4 mila euro in contanti, parte del bottino rapinato alle tre donne e 8 ovuli di cocaina, nascosti negli slip e nei jeans che indossava. Così, all’accusa di rapina e violenza sessuale, si è aggiunta anche quella di spaccio di sostanze stupefacenti. Attualmente è ristretto al carcere di Torino.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Edizione digitale