squadra mobile
Cronaca

Asti, arrestato per rapina dalla polizia il giovane sospettato dei roghi notturni in città

L’episodio si riferisce ad un 60enne rapinato del suo zaino nella scorsa estate al Parco della Resistenza. Gli agenti della Squadra mobile hanno trasferito il ragazzo, minorenne, al Ferrante Aporti di Torino

Nella mattinata di oggi, lunedì, i poliziotti della Squadra Mobile di Asti hanno arrestato per rapina, dando esecuzione all’Ordinanza di Applicazione di Misura Cautelare in Carcere emessa dal Tribunale della Libertà presso il Tribunale dei Minorenni di Torino, il giovane astigiano sospettato, secondo le indagini svolte dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri, di essere l’autore di diversi roghi avvenuti in città nelle scorse settimane. Il ragazzo, minorenne, è stato raggiunto ad Alessandria, presso una Comunità dove dimorava. È sospettato di essere responsabile di una rapina nei confronti di un 60enne astigiano, avvenuta il 1° agosto scorso al parco della Resistenza e in occasione della quale si sarebbe impossessato dello zaino che l’uomo aveva appoggiato accanto a sé sulla panchina. “L’immediata attività investigativa condotta dalla Polizia di Stato ha consentito di accertare e appurare le responsabilità del giovane segnalandolo alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Torino, che accoglieva le istanze e sulla base dei gravi indizi di colpevolezza, nonché sulla ricorrenza dell’esigenza cautelare rappresentata dal pericolo di reiterazione di reati della stessa specie, chiedeva la misura cautelare in carcere, che veniva però inizialmente rigettata dal Tribunale dei Minori – Ufficio Gip di Torino – spiega la Questura di Asti – A seguito del rigetto, la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Torino proponeva appello, e per l’effetto il Tribunale della Libertà presso il Tribunale dei Minorenni di Torino, al quale erano state nel frattempo indirizzate le informative della Squadra Mobile e dei Carabinieri a carico dello stesso minore quale verosimile autore di incendi di autovetture avvenute tra il 5 settembre ed il 14 ottobre scorsi, accoglieva l’appello e disponeva la misura cautelare in carcere presso l’istituto minorile Ferranti Aporti di Torino”. Completate le formalità di rito presso gli uffici della Questura, comprese le procedure anticovid, il giovane è stato trasferito all’istituto minorile di Torino a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Marta Martiner T.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail