La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, badante denunciata per furto ai danni dell’anziana che accudiva
CronacaAsti -

Asti, badante denunciata per furto ai danni dell’anziana che accudiva

È stato il decesso della signora a mettere in allarme gli eredi, che si sono accorti della sparizione dall'abitazione di diversi oggetti di valore e di prelievi bancomat ritenuti sospetti

Badante denunciata per furto aggravato

La Squadra mobile della polizia di Asti ha denunciato una badante per il furto di denaro e gioielli appartenuti all’anziana donna che accudiva. È stato il decesso della signora a mettere in allarme gli eredi, che si sono accorti della sparizione dall’abitazione di diversi oggetti di valore e di prelievi bancomat ritenuti sospetti, in quanto eseguiti nel periodo in cui la donna era ricoverata in ospedale.

Uno degli eredi si è così presentato in Questura per sporgere denuncia e sono scattate le indagini da parte della polizia. Gli accertamenti hanno fatto orientare gli investigatori proprio in direzione della badante della donna, ritenuta dalla famiglia estremamente fidata.

Nelle immagini i prelievi al bancomat

«L’acquisizione delle immagini che riprendevano i prelievi bancomat effettuati avevano invece consentito di notare la badante, un’astigiana di 53 anni residente in provincia, nell’atto di prelevare le somme di denaro, attraverso il bancomat della signora di cui si occupava», spiegano dagli uffici di corso XXV Aprile. L’ammanco derivante dai prelievi allo sportello bancomat era di circa 3 mila euro. Per verificare i sospetti della polizia è stata disposta anche una perquisizione domiciliare nell’abitazione della badante, al fine di ritrovare gli oggetti di valore che mancavano da casa. A quel punto la donna ha spontaneamente consegnato alcuni oggetti appartenuti alla vittima; per quanto riguarda il bancomat, secondo quanto ha raccontato la donna, sarebbe stato distrutto dopo aver effettuato i prelievi.

Nei confronti della donna è scattata la denuncia per il reato di furto aggravato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente