La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, con l’auto in fuga provoca incidente in piazza Marconi: arrestato dai carabinieri
Cronaca Asti -

Asti, con l’auto in fuga provoca incidente in piazza Marconi: arrestato dai carabinieri

Inseguito dai carabinieri imbocca corso Matteotti in contromano e finisce contro una Multipla. È accaduto ieri sera alle 20

Auto in fuga provoca incidente in piazza Marconi

Un inseguimento per le vie cittadine nella prima serata di ieri, lunedì, culminato con l’auto dei fuggitivi che ha imboccato contromano corso Matteotti, andando a travolgere un’ignara Multipla che stava transitando in piazza Marconi proprio in quegli istanti. Tutto è cominciato intorno alle 20, quando una pattuglia di investigatori dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Asti individua nella centrale zona di via Quintino Sella uno scambio di denaro tra una “lucciola” e il suo protettore. L’uomo, alla guida di una Mercedes Classe A, si è visto scoperto ed ha intrapreso la fuga, imboccando via Isnardi.

In corso Matteotti in contromano

Di lì l’inseguimento, con speronamenti all’auto dei militari, fino ad imboccare corso Matteotti in contromano e andare a sbattere contro una Multipla che passava tra piazza Marconi e corso Gramsci. Le auto distrutte, l’uomo alla guida della Multipla, un 56enne residente in un paese della provincia e che stava rincasando, il giovane alla guida della Mercedes, un albanese, bloccato dai carabinieri, le proteste della donna con lui, i soccorsi: è la scena che si è presentata ai residenti e alle persone intervenute in strada. I vigili del fuoco sono intervenuti per liberare il guidatore della Multipla, rimasto incastrato all’interno del veicolo; sul posto gli agenti della polizia municipale per i rilievi dell’incidente; e i carabinieri che hanno proseguito l’attività investigativa. Il bilancio dell’incidente non ha per fortuna avuto risvolti gravi per le persone. L’uomo, 26enne disoccupato domiciliato in città, e la compagna 22enne, albanese, sono stati arrestati dai carabinieri per tentato omicidio dei militari dell’Arma e sfruttamento della prostituzione. Secondo i carabinieri l’uomo, insieme alla compagna, gestiva un giro di prostituzione tra Isola e Montegrosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente