violenza_sessuale_introduzione-e8021db7
Cronaca
Tribunale di Asti

Asti, condannato per la violenza con i cocci di bottiglia

La donna aveva lasciato una scia di sangue su per le scale che portavano a casa sua

E’ arrivata venerdì mattina l’attesa sentenza a carico di due astigiani per reati legati ad un bruttissimo episodio di violenza sessuale.
Un uomo incensurato, è stato condannato dal gip Morando a 3 anni e 8 mesi, un anno in meno rispetto a quanto chiesto dal pm Macciò. Condanna a 2 anni per l’amico accusato di aver fornito false dichiarazioni per “coprire” quanto compiuto dall’amico.
Una storia terribile che risale al luglio del 2021 e che ha visto l’arresto nel marzo del 2022.
E’ accusato di violenza sessuale e lesioni gravissime provocate alle parti intime interne della donna che, all’epoca del fatto, era stata anche sottoposta ad intervento chirurgico all’ospedale di Asti. Gli inquirenti (le indagini erano state effettuate dalla Squadra Mobile di Asti) avevano ipotizzato che i tagli fossero stati fatti con il vetro di una bottiglia rotta.
All’imputato e all’amico gli investigatori erano arrivati grazie all’analisi delle telecamere di videosorveglianza dopo la denuncia della donna.
A lei, invece, la Polizia era arrivata in seguito alla denuncia di una inquilina dello stesso palazzo la quale si era spaventata dopo aver notato nell’atrio del condominio, delle larghe chiazze di sangue. Seguendole, i soccorritori erano arrivati alla porta di casa della ragazza che era stata poi ricoverata ed operata.
Andando a recuperare tutti i filmati delle telecamere sulla strada verso la casa della donna, avevano identificato l’auto che l’aveva riportata a casa a bordo della quale c’erano i due imputati.
L’uomo imputato di violenza sessuale era difeso dall’avvocato Laforè che ha già annunciato ricorso in Appello contro la sentenza per dimostrare l’innocenza del suo assistito. Il gip ha disposto anche 3 mila euro di provvisionale a titolo di risarcimento in attesa della causa civile. Andranno alla donna che si è costituita parte civile con l’avvocato Jacopo Evangelista.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale