La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, domani Festa della polizia aperta ai cittadini
CronacaAsti -

Asti, domani Festa della polizia aperta ai cittadini

La manifestazione si terrà quest'anno nella cornice del Museo Diocesano di via Natta

La Festa della polizia al Museo Diocesano

Una Festa della polizia nella cornice di un prestigioso spazio della città, aperta ai cittadini che vogliano prendervi parte e con un momento dedicato alla cultura. Saranno questi gli elementi che caratterizzeranno l’annuale celebrazione della Polizia di Stato che festeggia nella mattinata di domani il 167esimo anniversario della sua fondazione. Il Questore di Asti Alessandra Faranda Cordella ha presentato questa mattina in Questura il programma dell’appuntamento, sottolineando l’invito alla cittadinanza a prendere parte alla manifestazione. «Proseguiamo nella volontà di essere “tra i cittadini” anche in occasione della nostra festa annuale proponendo l’appuntamento in spazi di pregio della città: quest’anno sarà il Museo Diocesano ad accogliere l’evento e, in chiusura di mattinata, proporremo agli ospiti anche un momento artistico in omaggio alla cultura», ha annunciato il Questore, con accanto il Capo di Gabinetto Stefano Ceveriati, il dirigente della Divisione della Polizia Amministrativa Domenico Albano, il Capo della Digos Domenico Papa e il dirigente delle Volanti Daniele Capone.

La cerimonia

L’appuntamento è per le 11 al Museo Diocesano (via Natta 36). Dopo la lettura dei messaggi augurali inviati dalle varie autorità dello Stato e l’intervento del Questore, la cerimonia proseguirà con la consegna dei riconoscimenti al personale per merito di servizio e un momento di riflessione sull’importante ruolo e l’attività svolta dalla polizia. Al termine, avrà luogo un breve momento artistico.

Ma la cerimonia sarà preceduta, alle 9, dalla deposizione della corona alla Lapide ai Caduti della Polizia di Stato, ubicata nell’androne di ingresso della Questura. Alla deposizione interverranno, oltre al Prefetto e al Questore di Asti, una rappresentanza del personale della polizia astigiana (Questura e Specialità).

Questura aperta

Durante la giornata di festa la Questura di corso XXV Aprile sarà aperta ai cittadini. E sarà l’occasione, durante la mattinata, di poter seguire il lavoro di un agente di polizia artista, che sarà presente in città per realizzare un’opera di grandi dimensioni dedicata al tema della “polizia tra la gente” nel contesto astigiano. Il lavoro artistico di Giorgio Bisanti proseguirà durante la giornata e si potrà poi ammirare, nel pomeriggio, nell’androne del municipio di piazza San Secondo, nel cuore della città.

Il bilancio di un anno di attività

In occasione della conferenza stampa di presentazione dell’evento, il Questore Faranda Cordella ha tracciato il bilancio di un anno di attività della polizia e i risultati conseguiti. «Nel corso degli ultimi dodici mesi, l’attività di prevenzione e contrasto dei reati operata da tutte le Forze di Polizia ha consentito di ottenere una diminuzione del numero complessivo dei reati, passati da 7.780 a 7.000, con una diminuzione, in particolare, dei furti, passati da 3.681 a 3.255 (con un – 15,5 % dei furti in abitazione) – ha spiegato il Questore – In diminuzione, allo stesso modo, le rapine (passate da 85 a 55) e le violenze sessuali (diminuite di oltre il 20%), che vengono, per altro, consumate soprattutto in ambiti familiari e nella cerchia di amicizie». Il dato relativo al capoluogo rispecchia il trend provinciale: i furti sono passati da 1.814 a 1.477 (con un -34,6 % dei furti in abitazione), le rapine sono state 30 (a fronte delle 70 dell’anno precedente) e in flessione sono state registrate anche le estorsioni, passate da 37 a 30. È stato messo in luce l’impegno profuso da tutti gli uffici della polizia, dalle Volanti alla Squadra mobile, dalla Divisione Anticrimine alla Divisione Polizia Amministrativa, Digos, Polizia Scientifica e le specialità della polizia: polizia stradale, polizia ferroviaria e polizia postale.

I numeri del controllo del territorio

Tra i dati che caratterizzano il periodo dal 1° aprile 2018 al 31 marzo 2019, oltre 4.500 le pattuglie sul territorio, con oltre 10 mila chiamate gestite dalla sala operativa, che ha disposto più di 8.700 interventi degli operatori di polizia. 508 le persone denunciate e 68 quelle arrestate, con oltre 1.000 denunce ricevute in Questura e 2.800 chilogrammi di stupefacenti sequestrati. Oltre 18 mila le persone ricevute agli sportelli dell’Ufficio Immigrazione; mentre, per quanto riguarda Polstrada, 245 incidenti rilevati, 8.126 infrazioni contestate, 8.832 punti decurtati, 117 patenti ritirate.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente