La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, gli rubano la bici, ferma una pattuglia della polizia e gli agenti bloccano due giovani
CronacaAsti -

Asti, gli rubano la bici, ferma una pattuglia della polizia e gli agenti bloccano due giovani

La bici era stata rubata all'esterno di un istituto di credito. Le Volanti l'hanno individuata in piazza San Secondo

Gli rubano la bici fuori dalla banca

Nel pomeriggio di lunedì, una pattuglia delle Volanti della polizia è stata avvicinata da un passante che ha raccontato agli agenti che poco prima degli sconosciuti gli avevano rubato la bicicletta, una XT-Erre pieghevole che aveva parcheggiato nei pressi della filiale di un istituto di credito del centro città. I poliziotti hanno subito diramato la nota di ricerca, informando tempestivamente la centrale operativa della Questura. Sulla base della dettagliata descrizione fornita dal proprietario, gli agenti si sono messi alla ricerca della bicicletta rubata e, poco dopo, hanno individuato in piazza San Secondo, due giovani in sella ad una bicicletta del tutto simile a quella descritta dal derubato.

Due giovani denunciati per ricettazione

I due ragazzi sono stati fermati e sono state loro chieste informazioni sulla la provenienza del mezzo e, viste le loro risposte ritenute vaghe dai poliziotti, sono stati accompagnati negli Uffici della Questura. «I due erano tra l’altro sprovvisti di qualsiasi documento di identità e, dopo averli sottoposti a perquisizione personale sul posto, uno dei due giovani è stato trovato in possesso di un manganello. Accompagnati negli uffici di corso XXV Aprile, i due giovani, uno dei quali minorenne, sono stati identificati, sottoposti a rilievi fotodattiloscopici ed indagati per concorso in ricettazione – spiegano dalla Questura – Il ragazzo minorenne è stato anche indagato per porto abusivo di oggetti da offesa». La bicicletta è stata sequestrata e, mostrata all’uomo che aveva segnalato il furto alla polizia, è stata riconosciuta e riconsegnata al legittimo proprietario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente